"Aqualand non riapre, sconcertati. Persi 150 posti stagionali e danno per il turismo" - Confesercenti: in Comune un tavolo di confronto e la Regione dia sostegno economico
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 07/06

"Aqualand non riapre, sconcertati. Persi 150 posti stagionali e danno per il turismo"

Confesercenti: in Comune un tavolo di confronto e la Regione dia sostegno economico

Vasto: il parco Aqualand del VastoUn tavolo di confronto per chiarire perché l'Aqualand del Vasto rimarrà chiuso in questa stagione turistica. E un sostegno economico della Regione Abruzzo per il parco acquatico di località Incoronata. Li chiede Confesercenti

"La non riapertura per la stagione estiva del 2020 del Parco “ Aqualand Del Vasto”, appresa a mezzo stampa, ci lascia alquanto sconcertati", si legge in un comunicato del presidente e del direttore di Confesercenti Vasto, Franco Menna e Patrizio Lapenna, e del responsabile provinciale turismo, Simone Lembo.

"La Confesercenti di Vasto non condivide la decisione presa dalla Società Aqualand del Vasto perché rappresenta un duro colpo alla ripresa della stagione turistica vastese e di tutta la Regione Abruzzo. Avremo conseguenze molto gravi e negative per tutto l'indotto delle imprese turistiche con un calo rilevante delle presenze e dei fatturati. La perdita di 150 occupati diretti stagionali, molti giovani studenti e disoccupati. Nell’incontro del 5 giugno, richiesto da noi, al sindaco di Vasto, Francesco Menna, abbiamo ribadito tutte le nostre preoccupazioni e chiesto all’amministrazione comunale di fare tutto il possibile per evitare la chiusura del Parco Aqualand del Vasto. Non si comprendono le motivazioni di tale decisione, soprattutto perché in Italia oltre 80% dei parchi acquatici hanno annunciato (sui propri siti) la riapertura nel corso del mese di giugno. Hanno adottato tutti i protocolli di sicurezza Covid richiesti dalla normativa nazionale e regionale. Certo sappiamo che è un grande rischio e sacrificio per tutti riaprire le attività economiche, ma tutti o quasi ci stanno provando. Ancor di più in un parco pubblico a gestione privata come è Aqualand del Vasto. Abbiamo chiesto al sindaco di Vasto di richiedere l’intervento della Regione Abruzzo per sostenere economicamente e normativamente la riapertura di Aqualand del Vasto, come si stà facendo con altre strutture turistiche a valenza regionale. Auspichiamo a breve la convocazione di un tavolo di confronto con tutte le parti interessate e le associazioni datoriali, in primis con la società di gestione che deve spiegare concretamente e documentalmente perché ha deciso di non riaprire Aqualand".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi