Timori per il forno Pilkington, Castaldi: "Governo sta creando un fondo per l’automotive" - Il sottosegretario: "Il ministro Patuanelli ha incontrato Marcovecchio e sindacati"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Politica 06/06

Timori per il forno Pilkington, Castaldi: "Governo sta creando un fondo per l’automotive"

Il sottosegretario: "Il ministro Patuanelli ha incontrato Marcovecchio e sindacati"

Gianluca Castaldi (M5S)"Un fondo ad hoc per il settore automotive, in cui rientrerà anche il vetro per auto". Il Governo Conte stanzierà soldi per il comparto automobilistico, già in difficoltà prima dell'emergenza Covid e ora fortemente a rischio.

Gianluca Castaldi, sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento, risponde a Zonalocale in merito al grido d'allarme lanciato dalla sindaca di San Salvo, Tiziana Magnacca, dopo un incontro col presidente di Pilkington Italia, Graziano Marcovecchio: la Nippon sheet glass, la multinazionale giapponese proprietaria dello stabilimento di Piana Sant'Angelo, ha spento due forni in Malesia e Giappone ed è intenzionata a spegnerne un terzo in Europa [LEGGI]. Bisogna evitare che la malaugurata scelta ricada su uno dei due altoforni di San Salvo, perché il rischio sarebbe di perdere centinaia di posti di lavoro, compresi quelli delle aziende dell'indotto. 

Durante l'emergenza Covid, i forni hanno continuato a restare accesi perché non possono essere spenti, devono lavorare a ciclo continuo. Hanno distrutto rottame per continuare a funzionare con notevoli costi. Ora, di fronte all'intenzione dell'azienda di tagliare, i timori sono tanti.

Il 29 maggio scorso il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, Marcovecchio, che è presidente nazionale di Assovetro, e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil si sono confrontati sulla crisi del settore: "In questa fase così delicata - dice Castaldi - c'è bisogno di concretezza e il ministro Patuanelli ha tracciato una rotta chiara che ha rassicurato tutti. L'impegno del Governo è quello di stanziare risorse sufficienti attraverso un fondo creato ad hoc per andare incontro alle esigenze di un settore fortemente danneggiato dal coronavirus, in modo tale da salvaguardare i livelli occupazionali. L'obiettivo è svuotare i piazzali delle imprese produttrici dalle auto già prodotte, anche attraverso un incentivo, e far ripartire la produzione. Sicuramente in Parlamento, nell'esame del decreto Rilancio, ci saranno molte proposte che riguarderanno il comparto automobilistico. Ed è molto probabile che anche l'Unione europea destini una parte consistente delle risorse a questo settore, colpito dall'emergenza in tutti i Paesi, a partire dalla Germania, che si rifornisce dalle aziende italiane produttrici di componentistica". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi