Da "Tramonto" ad "Aia bianca": in progetto due pale eoliche a Celenza sul Trigno - La En.E.R. Wind ripresenta la richiesta al comitato Via
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Da "Tramonto" ad "Aia bianca": in progetto due pale eoliche a Celenza sul Trigno

La En.E.R. Wind ripresenta la richiesta al comitato Via

Una simulazione 3D della vista cumulativa da Celenza Da "Tramonto" ad "Aia bianca", il progetto di parco eolico cambia nome prendendo quello dell'area interessata dall'intervento. La En.E.R. Wind, il 15 maggio scorso, ha chiesto al comitato Via della Regione Abruzzo l'autorizzazione per realizzare due torri eoliche dalla potenza complessiva di 4 Mw e le opere necessarie per il collegamento alla rete elettrica nazionale. 

La vicenda è quella tortuosa di ormai 10 anni fa, quando la stessa società intendeva realizzare un parco eolico da 16 Mw complessivi tra i Comuni di Celenza sul Trigno e Torrebruna che avrebbero dovuto ospitare 8 aerogeneratori. Non mancarono le proteste dei comitati civici e alla fine il progetto fu momentaneamente accantonato. 
Qualche anno fa, un'altra la società, la Floew, riprese in mano il progetto ridimensionandolo. Così, nel giugno 2018, a Torrebruna è entrato in funzione il primo cluster di "fonte Micune" [LEGGI] con una convenzione con il Comune che ha previsto 100mila euro di bonus iniziale a favore dell'ente (usato per l'acquisto di un mezzo spazzaneve) e royalties del 2,7%.

"Aia Bianca" rappresenta il secondo cluster dell'idea iniziale e fa capo alla società originaria. Le torri previste sono leggermente più alte di quelle delle vicina Torrebruna: altezza al mozzo di 98.4 metri (rispetto agli 80 metri delle altre) e un diametro del rotore della turbina di 92 metri.

L'area dell'intervento si trova a un’altitudine media di 630 metri sul livello del mare e, una volta installate, le pale saranno visibili – così come accade in parte già per le altre presenti nel territorio – dai centri abitati di Celenza sul Trigno, Torrebruna e San Giovani Lipioni, così come spiega la società nella sintesi non tecnica: "il contesto paesaggistico risulta già connotato dalla presenza di turbine eoliche, inserite in armonia con il territorio. Vallate e rilievi rendono gli impianti esistenti e quelli di progetto visibili da determinati scorci e spesso in maniera alternata e parziale. La percezione, nel complesso non risulta interrompere l’identità di paesaggio esistente".

Una volta approvato il progetto (dal 15 maggio scorso ci sono 2 mesi di tempo per la presentazione di eventuali osservazioni da parte di cittadini, associazioni e portatori d'interesse), la durata dei lavori è stimata in 8 mesi

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi