"La vera Via Verde si sarebbe dovuta realizzare tra le valli dell’entroterra" - L’intervento di Domenicangelo Litterio
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"La vera Via Verde si sarebbe dovuta realizzare tra le valli dell’entroterra"

L’intervento di Domenicangelo Litterio

La valle del TrignoDopo l'assalto alla Via Verde [LEGGI] e per fare sintesi delle più recenti posizioni sull’argomento del Movimento difesa delle zone interne, sembra giusto evidenziare alcuni comportamenti, a parte quelli degli "incivili", opportunamente sanzionati.
Pensiamo al nome “Via Verde”; certamente ci si deve riferire al colore del bitume a tratti utilizzato lungo il percorso; meglio se riferito al riflesso verde-mare dell’Adriatico quando accoglie il fresco serale e si dondola stanco sulla marea bassa.

Insomma, una via verde è alternativa allo smog, è aria pulita, paesaggio aperto e naturale; serve a rigenerare lo spirito, a conservare l’equilibrio psico-fisico, a scoprire orizzonti più vasti dei recinti urbani.
Parliamo, invece, di una via verde che corre lungo-costa, al fianco e in mezzo a ferrovia, autostrada, strade statali, provinciali e comunali, lungo tratti urbani a fare da marciapiedi a negozi e abitazioni.

Sicchè se tu pensi di prenderti un po' di relax e tempo ricostituente e cominci a fare zig zag tra intersezioni stradali e percorsi urbani, puoi ritrovarti in bocca ai tubi di scarico delle macchine lasciate ai margini (e dove altro?). E poi, certo col tempo, puoi sperare di diventare verde a tua volta.

La Via Verde poteva essere una delle iniziative utili a differenziare l’offerta locale e turistica aprendo ad opportunità e spazi di vera rigenerazione tanto fisica che psicologica e mentale. Bastava decidere il percorso  con la mentalità e la sensibilità della “politica” cioè dell’arte di compensare opportunità ed esigenze di tutto il territorio regionale, a vantaggio di tutti i cittadini.

Il Movimento ha sempre sollecitato i Comuni della costa a riprendere il proprio ruolo di guida del proprio territorio interno e montano, con gli atteggiamenti propri di chi si sente responsabile dell’intero comprensorio. Certo che è valido un percorso  ricreativo, diciamo di alleggerimento rispetto allo stress quotidiano, ma se pensi ad una via verde devi aprirti alle tue valli, entrare tra le bellezze da urlo lungo i percorsi pedemontani; devi dimostrare di fare "politica".

Naturalmente il percorso verde di cui parliamo è solo uno dei tanti segni di egoismo campanilistico adottato da quarant’anni ai danni di tutte le Comunità dell’entroterra. Pensiamo, tanto per fare un altro esempio, alla Zes, Zona Economica Speciale: le aree industriali esistenti sono state più o meno raddoppiate; nessun segno di proiezione, neanche simbolica, verso il territorio interno e montano.

Questo comportamento ha determinato lo spopolamento generale di tre quarti del territorio con danni notevoli all’intera comunità regionale perché chi non vede le conseguenze di questo squilibrio monte-valle non dovrebbe occupare posizioni decisionali.

Domenicangelo Litterio

 

 

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi