"Potenziale pericolo a causa dei solai degradati" al San Pio, necessarie ulteriori verifiche - La relazione dei vigili del fuoco dopo il crollo in Chirurgia
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 31/05

"Potenziale pericolo a causa dei solai degradati" al San Pio, necessarie ulteriori verifiche

La relazione dei vigili del fuoco dopo il crollo in Chirurgia

"Situazione di potenziale pericolo, rappresentato dalle condizioni di degrado dei solai, e in particolare dall'ossidazione delle armature metalliche con riduzione in alcuni punti di circa il 50% della sezionenonché dalla tipologia dei solai denominato Sap (Solai Armati sul Posto) prodotti negli anni 1960/70, rivelatasi in tutto il territorio nazionale particolarmente vulnerabili alle ossidazioni per carenza e/o meglio per scarsa compattezza del calcestruzzo con funzione di copri ferro".

È quanto emerge dalla prima relazione stilata dai vigili del fuoco dopo il cedimento di parte del solaio e del controsoffitto nella stanza numero 2 del reparto di Chirurgia del San Pio. Il cedimento è avvenuto nel pomeriggio di venerdì scorso (un solo paziente nella stanza, fortunatamente in un letto al lato opposto del crollo); tra i detriti a terra erano visibili, oltre ai pannelli della controsoffittatura, pezzi di cemento, laterizi e ferro. 

È la stessa relazione inviata a Comune e Prefettura, a spiegare che il distacco è avvenuto per il rigonfiamento delle armature metalliche tipico dei solai ammalorati che ha portato all'"espulsione del copriferro". La porzione che ha ceduto di circa 1,5 metri quadri si trova, come visibile nelle foto, in prossimità della parete esterna sottostante una balconata. Qui sono presenti anche tubazioni di riscaldamento e di scolo delle acque piovane: probabile che in passato ci siano state infiltrazioni d'acqua che hanno aggravato la situazione.

Per adesso le stanze 2 e 3 restano chiuse in attesa degli interventi iniziati nella giornata di ieri; attività e pazienti sono stati distribuiti in altri locali ospedalieri [LEGGI]. Le prime verifiche al quarto piano, nel reparto di Ostetricia-Ginecologia, non hanno fatto emergere elementi di criticità. 

Nei prossimi giorni si attendono ulteriori verifiche per accertare le condizioni di sicurezza del fabbricato igenerale e in particolare dei solai interessati dal distacco e di tutti gli altri della stessa tipologia in modo da procedere a tutti i lavori del caso. In base agli sviluppi della vicenda non sono escluse altre rimodulazioni dei servizi da parte della Asl Lanciano Vasto Chieti e provvedimenti del sindaco Francesco Menna.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi