Insieme per la dialisi, domani al San Pio il presidio di Aned per sensibilizzare la dirigenza Asl - Il segretario Stoppani: "Terapia salvavita, alto il rischio clinico dei pazienti"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 27/05

Insieme per la dialisi, domani al San Pio il presidio di Aned per sensibilizzare la dirigenza Asl

Il segretario Stoppani: "Terapia salvavita, alto il rischio clinico dei pazienti"

Continua a destare preoccupazione la situazione del reparto dialisi dell'ospedale San Pio di Vasto. Secondo l'ANED (associazione nazionale emodializzati dialisi e trapianto), i 6 infermieri dell’unità operativa non bastano per garantire il trattamento salvavita che rientra nei livelli essenziali di assistenza (LEA).

Per questo motivo domani mattina alle 11.00, nel piazzale antistante l'ingresso alla zona parcheggio Dialisi dell'ospedale di Vasto, ANED con i suoi rappresentanti, soci e familiari manifesterà a supporto del personale sanitario, per sensibilizzare la dirigenza Asl sulla situazione che vede il reparto carente di troppe unità.

La dialisi è una terapia salvavita che necessita di assistenza professionale dedicata. Di recente, anche il sindaco Francesco Menna, ha sollevato il problema in consiglio comunale chiedendo un incontro con i vertici della Asl, per scongiurare lo spostamento dei dializzati in altre strutture.

"Il comitato Aned Abruzzo e Molise prosegue la sua attività di vigilanza sul panorama nefrologico abruzzese a tutela dei pazienti, e sul nosocomio vastese ha più volte scritto alla Asl Lanciano Vasto Chieti sottolineando quanto sia alto il rischio clinico di questi pazienti - spiega Marina Stoppani, segretario regionale del comitato -. Ci preme ricordare che Vasto è il fiore all’occhiello della dialisi estiva abruzzese e che l’emergenza Covid non ha fatto altro che aggravare una situazione già precaria".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi