Le preoccupazioni dei maturandi: "Scioperiamo per lanciare il nostro grido di ascolto" - Le preoccupazioni dei giovani che frequentano le classi quinte
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 21/05

Le preoccupazioni dei maturandi: "Scioperiamo per lanciare il nostro grido di ascolto"

Le preoccupazioni dei giovani che frequentano le classi quinte

Riceviamo da una studentessa dell'Itset Palizzi di Vasto un articolo che parla dell'iniziativa a cui oggi aderiscono tanti ragazzi che frequentano le classi quinte.

#Lascuolasiamonoi, è questo il motto che caratterizza la giornata di oggi, giovedì 21 maggio. Dall’inizio del lockdown ad oggi la ministra Lucia Azzolina non è ancora pronta a comunicarci come noi maturandi 2020 dovremmo svolgere l’esame. In presenza o tramite la didattica a distanza? È questo il dubbio amletico con il quale conviviamo. 170mila precari che non hanno certezze, 8milioni di studenti non ascoltati, 17mila privatisti dimenticati, 1.5milioni di studenti non raggiunti dalla DaD, 1.7milioni di studenti disabili penalizzati da questo periodo e 515mila maturandi completamente ignorati; quale sarà l’esito finale? Noi ragazzi siamo stanchi di rimanere in silenzio ad aspettare, ed è per questo che abbiamo deciso di fare chiasso.

Uno sciopero per il 21 maggio è il nostro grido di ascolto. Stiamo vivendo un periodo che i nostri nipoti studieranno sui libri di storia. Ci sono famiglie che hanno vissuto momenti di grande difficoltà economica e soprattutto famigliare e siamo esausti di vivere altre incertezze. #Lascuolasiamonoi, scioperiamo per la salute nostra e di chi ci circonda, scioperiamo per i nostri docenti e ATA che rischiano conseguenze irreparabili se esposti al contagio, scioperiamo per i dirigenti scolastici che non hanno disposizioni chiare ma un’enorme responsabilità per la riapertura delle scuole.

Scioperiamo per il futile esame, valutato da docenti che ci hanno ascoltati da 5 anni a questa parte e che già conoscono le nostre competenze, ed infine scioperiamo per noi, che a meno di un mese dall’inizio della maturità non abbiamo ancora certezze sul suo svolgimento. Molti paesi europei hanno deciso di annullare gli esami, vogliamo unirci a loro. Ministra, siamo pronti ad unirci tutti in un unico coro per creare un concerto plateale, il più forte di sempre! #Lascuolasiamonoi, restate tutti pronti.

Cristiana Piccirilli

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi