"Quell’asse danneggiato non ci fermerà ma dimostra che bisogna lavorare su senso civico e legalità" - Il pensiero di Andrea Benedetti sulla panchina arcobaleno danneggiata
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 20/05/2020

"Quell’asse danneggiato non ci fermerà ma dimostra che bisogna lavorare su senso civico e legalità"

Il pensiero di Andrea Benedetti sulla panchina arcobaleno danneggiata

Riceviamo da Andrea Benedetti, ventenne vastese, una breve riflessione riguardo ciò che è accaduto alla panchina contro le discriminazioni, posta giorni fa nella Villa Comunale di Vasto.

Pochi giorni fa, il 15 maggio, è stata inaugurata una panchina arcobaleno nella Villa Comunale di Vasto, a sostegno della lotta contro le discriminazioni, e questa notte, tra il 19 ed il 20 maggio, ne è stato rotto lo schienale. Ragionevolmente si tratta di un comune atto di vandalismo non scaturito da ragioni omofobe, ma sta di fatto che dobbiamo lavorare ancora molto sul senso civico e sulla coscienza collettiva.

Dovremmo tutti comprendere il valore di un'installazione di questo tipo per la comunità e per le minoranze di cui porta le istanze, e dovrebbe comprenderlo anche chi deturpa beni pubblici - anche suoi - per diletto. Non sarà certo un asse rotto a fermare il percorso iniziato il 15 maggio a Vasto con, tra l'altro, l'adesione alla Rete RE.A.DY, ma quell'asse in legno danneggiato dimostra che dovremmo proseguire anche su un altro percorso condiviso: quello sulla legalità.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi