Pista ciclabile, Spadaccini: "Lavori in corso, ma troppi ritardi e pochi tratti utilizzabili" - "Chi gestisce realizzazione di questa infrastruttura, non si aspetti applausi"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 18/05

Pista ciclabile, Spadaccini: "Lavori in corso, ma troppi ritardi e pochi tratti utilizzabili"

"Chi gestisce realizzazione di questa infrastruttura, non si aspetti applausi"

Antonio Spadaccini, presidente del Cicloclub di Vasto, fa il punto sulla situazione dei lavori sulla pista ciclabile, di cui la sua ed altre associazioni ciclistiche, chiedono da tempo una veloce conclusione.

"Sabato 16 maggio, alcuni ciclisti hanno segnalato la presenza di lavori sulla pista tra Rocca S.Giovanni e San Vito – dichiara - Tra qualche giorno, il tratto Torino di Sangro-Fossacesia-San Vito sarà pronto. Più a sud niente di fatto, si è sempre lavorato poco e adesso anche meno. Con risultati discutibili: frana a sud di Torino di Sangro, pista di Casalbordino inesistente, tratto che interessa la Riserva di Punta Aderci semi abbandonato e quello di Porto di Vasto-Vignola inesistente".

"Il tratto Vignola-Casarsa, inoltre, è chiuso per gallerie, con il risultato che l'unico breve tratto utilizzabile a Vasto di tale ciclabile risulta essere quello di Casarza-ex stazione di Vasto, peraltro in totale degrado – prosegue - Certamente chi ha pensato, programmato e gestito la realizzazione fino ad ora di questa importante ed unica infrastruttura cicloturistica non può aspettarsi applausi dai vastesi. Siamo sempre gli ultimi ed i più sfortunati".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi