L’associazione ’Un buco nel tetto’ e il sostegno al San Pio: "10.254 grazie" - Conclusa la raccolta solidale per aiutare l’ospedale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 18/05

L’associazione ’Un buco nel tetto’ e il sostegno al San Pio: "10.254 grazie"

Conclusa la raccolta solidale per aiutare l’ospedale

"Oggi vogliamo dire 10.254 grazie di cuore a chi ha donato con generosità". L'associazione Un buco nel tetto ha concluso il profetto "Adotta una mascherina o un ausilio per l'ospedale San Pio di Vasto" lanciato in piena emergenza Coronavirus e ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla causa. 

"Con tutte le donazioni ricevute abbiamo comprato e consegnato all'ospedale S.Pio di Vasto 720 mascherine ffpp2/k95, 400 mascherine chirurgiche, 150 tute, 3000 guanti, 2000 copri scarpe e 100 calzari. Abbiamo contribuito all'acquisto di un respiratore per il reparto rianimazione isieme:  al Rotary di Vasto, ASD Torrebruna,  ADRILOG, AVI Ass. Alzheimer.

10.254 grazie per la fiducia. Ringraziamo per la donazione la squadra di Fantacalcio di Casalbordino Fanta Cartoons League e la squadra di calcio di Celenza sul Trigno. Un grazie a tutti gli amici di Vasto che ci hanno sostenuto ed aiutato per questo progetto d'amore e per per averci donato le le tre FFF: fiducia, forza, fede.

Da soli possiamo fare così poco, insieme possiamo fare così tanto. Grazie a tutti e... basta poco per donare tanto".

Dall'associazione Un buco nel tetto c'è anche l'invito al sostegno dei progetti di "solidarietà a km. zero" attraverso il 5 per mille al CF 92029870695. 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi