Consiglieri di opposizione: "Cumulo di rifiuti con odori nauseabondi nella zona industriale" - La protesta: "Amministrazione e Pulchra risolvano il problema"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 18/05

Consiglieri di opposizione: "Cumulo di rifiuti con odori nauseabondi nella zona industriale"

La protesta: "Amministrazione e Pulchra risolvano il problema"

"Dopo un anno dalle nostre prime segnalazioni, dopo le solite risposte evasive della Cianci alle nostre interrogazioni, l’amministrazione comunale e la Pulchra continuano a disinteressarsi della discarica a cielo aperto, situata nei pressi della zona industriale, gestita in violazione alle leggi e in spregio a tutte le norme del buon senso". Cinque consiglieri comunali di opposizione, Francesco Prospero (FdI), Vincenzo Suriani (FdI), Alessandro D'Elisa (misto), Edmondo Laudazi (Nuovo Faro) e Guido Giangiacomo (FI), lanciano il loro attacco documentanto la situazione di una zona di Punta Penna. 

"A ridosso di importanti aziende tuttora operative, Menna e compagni continuano a tollerare un deposito abusivo di cassette in polistirolo, vuote ma sporche ed originariamente destinate al contenimento di pesce e frutti di mare. Il deposito, integrato da rifiuti di altro genere e di provenienza incerta, gettati da chi pensa di trovarsi di fronte ad un immondezzaio, emana odori nauseabondi e pestilenziali che, tra l’altro, favoriscono l’addensamento di cani, ratti, cinghiali e altri animali selvatici; il disordine, dovuto allo spandimento dei contenitori inquinati e delle buste, crea una immagine penosa per chi passa nelle vicinanze.

La motivazione deve essere ricercata nel ridotto dimensionamento delle postazioni di raccolta, nella mancanza di vigilanza e nel mancato svuotamento dei rifiuti evidentemente effettuato a frequenze inadeguate. Il rimedio, semplice, già segnalato da oltre un anno, consiste nell’aumento dei turni di raccolta, nell’aumento delle dimensioni dei gabbiotti, nel fornitore le chiavi degli stessi solo ai commercianti che hanno diritto a conferire e nella vigilanza del deposito che, ad oggi, può essere considerato una vera e propria discarica abusiva, prodotta dall’azione di chi dovrebbe garantire un servizio efficace ed efficiente. Non è possibile - incalzano i cinque consiglieri - che i cittadini, i commercianti di pesce e le aziende che si trovano a ridosso del sito debbano tollerare ulteriormente questo disservizio, nonostante i pesanti tributi che versano nelle casse comunali".

Dai cinque consiglieri di centrodestra, "in attesa della realizzazione dell’isola ecologica che non c'è che ricorda quella di Peter Pan, promessa prima da Lapenna e poi da Cianci e Menna", c'è l'invito all’amministrazione comunale a "risolvere almeno questo banale problema che ha dimostrato, ancora una volta, tutta l’incapacità dell’esecutivo cittadino buono solo a fare proclami, videomessaggi, selfie e a consegnare premi e pergamene".  

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi