"Con queste regole impossibile ripartire, il 50% delle imprese turistiche rischia la chiusura" - Fase 2. Lembo, direttore di Confesercenti Chieti: "Molti il 18 non riapriranno"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 14/05

"Con queste regole impossibile ripartire, il 50% delle imprese turistiche rischia la chiusura"

Fase 2. Lembo, direttore di Confesercenti Chieti: "Molti il 18 non riapriranno"

"Se l'andazzo è questo, il 50% delle imprese turistiche della provincia di Chieti rischia di chiudere", dice senza mezzi termini Simone Lembo, direttore provinciale di Confesercenti.

"Sono ancora confuse le informazioni sul come ripartire. Lo stato d'animo degli operatori del settore non è dei migliori. All'inizio, si sentivano sotto pressione e disarmati di fronte a un'emergenza del tutto nuova, ora sentono che è quasi impossibile ricominciare. Non ci sono ancora le ordinanze per il 18 maggio, quindi molti ristoratori, per quella data, non riapriranno. Anche perché va verificata la propensione dei clienti a spendere e la predisposizione psicologica a uscire per andare al ristorante. Non dimentichiamo che è ancora bloccata la mobilità interregionale, altro motivo per cui il turismo è il settore più danneggiato in questa fase emergenziale. A tutto questo vanno aggiunti i necessari investimenti per l'adeguamento e la sanificazione delle strutture e le spese per il personale in un periodo di incertezza economica in cui non si potrà lavorare a pieno regime".

"Fase 2 peggio della Fase 1" - Secondo il direttore di Confesercenti Chieti, si rischia "un disastro. Le regole annunciate impediranno a molti imprenditori balneari di riaprire. Con le distanze di 4 metri e mezzo tra un ombrellone e l'altro e 5 metri tra le file di ombrelloni, ogni stabilimento balneare perderà la metà della capienza. In più andrà fatta la sanificazione più volte al giorno e dovranno essere garantite distanze interpersonali superiori a quelle ordinarie previste anche negli ambienti chiusi: se negli altri luoghi la distanza deve essere di un metro, perché in bar e ristoranti vanno assicurati due metri e in spiaggia quattro e mezzo-cinque? Qual è la logica di certe scelte?", chiede Lembo. "Nella Fase 1 è stato giusto far prevalere la salvaguardia della vita delle persone e siamo consapevoli del fatto che il pericolo esiste ancora. Ma dobbiamo salvare l'economia e le imprese. Gli imprenditori turistici dicono: se non possiamo lavorare, Stato e Regione ci diano soldi perché manca la liquidità. I 600 euro non arrivano a tutti, mentre l'accesso al credito è problematico: le banche non rischiano nulla, esattamente come facevano prima dell'emergenza Covid. Le tasse resteranno sospese per qualche mese, ma poi bisognerà pagarle. Insomma - è l'allarme lanciato da Confesercenti Chieti - la Fase 2 rischia di essere peggiore della Fase 1. E quella del 2020 sarà un'estate non estate".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi