"Sfalcio nella Riserva Marina di Vasto, indagini e ricognizione in corso. Opposizione arriva tardi" - La replica di Paola Cianci, assessora comunale all’Ambiente
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 13/05

"Sfalcio nella Riserva Marina di Vasto, indagini e ricognizione in corso. Opposizione arriva tardi"

La replica di Paola Cianci, assessora comunale all’Ambiente

Paola Cianci "Comprendiamo anche le difficoltà del momento legate alla crisi economica e all'incertezza nella ripartenza turistica che sta esasperando gli operatori del settore e per questo ribadiamo che il tratto distintivo della gestione è, e rimane, il rispetto delle regole per tutti. Per tale ragione, come già avvenuto in passato, saranno verificati tutti gli eventi che emergeranno dalle azioni in corso con i conseguenti provvedimenti e le dovute segnalazioni alla Procura della Repubblica di Vasto. Stesso discorso vale per il caso registrato nei giorni scorsi, su cui sono in corso le indagini per riscontrare le responsabilità. L’opposizione arriva in ritardo anche su questa vicenda". Paola Cianci, assessora all'Ambiente del Comune di Vasto, replica così a centrodestra e lista civica Il Nuovo Faro, secondo cui lo sfalcio delle erbacce nella zona retrodunale della Riserva naturale regionale Marina di Vasto sarebbe consentita ad alcuni privati sì e ad altri no [LEGGI].

“Come ogni anno verranno effettuati i lavori di riqualificazione ambientale nell'area Sic della Riserva di Marina di Vasto in base a quanto previsto nell'apposito disciplinare approvato. Ci stiamo organizzando insieme alla gestione dell'area protetta per affrontare le emergenze derivate dalla fase di chiusura relativa alla pandemia da Covid-19", afferma la titolare della delega all'Ambiente della Giuna Menna.

"Nella fase 2 di ripartenza del 4 maggio scorso si è data priorità al monitoraggio della flora e della fauna in quanto estremamente necessari ed urgenti al fine di garantire la tutela e la conservazione delle specie prioritarie come il fratino.
In parallelo è stata avviata l'attività di ricognizione dell'intera area per verificare tutti gli eventuali interventi e modiche avvenute durante la fase 1 di restrizione. Pertanto saranno evidenziate tutte le criticità emerse. A prescindere dal concetto di giardino che ciascuno può avere come immagine di bellezza, e consapevoli che la gestione di un'area protetta assolve ad un ruolo ben più alto, ci fa comunque piacere che venga riconosciuto il buon lavoro svolto in questi anni. Questo - sostiene Cianci - è il risultato di un forte dialogo e collaborazione con tutti gli operatori turistici e i residenti di quell'area".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi