Via libera alle messe con la partecipazione dei fedeli: si riparte il 18 maggio - Ingressi contingentati e mascherine
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Roma   Attualità 07/05

Via libera alle messe con la partecipazione dei fedeli: si riparte il 18 maggio

Ingressi contingentati e mascherine

Dal 18 maggio le chiese riapriranno le loro porte ai fedeli per le celebrazioni liturgiche. È stato infatti firmato questa mattina, a palazzo Chigi, il protocollo tra Cei, Presidenza del Consiglio e Ministero dell'Interno con le misure da rispettare per le celebrazioni liturgiche. 

Gli ingressi saranno contingentati, per consentire alle persone di mantenere la distanza di sicurezza di un metro - laterale e frontale - all'interno della chiesa che avrà quindi una capienza massima. Si entrerà indossando la mascherina ed è vietato l'ingresso a chi ha una temperatura corporea superiore a 37.5°C. Saranno dei volontari, muniti di dispositivi di protezione, a regolare l'ingresso delle persone. Nelle fasi di ingresso negli edifici di culto la distanza tra le persone dovrà essere di 1,5 metri. All'ingresso dovranno essere resi disponibili liquidi igienizzanti.

Prima della distribuzione della comunione il sacerdote o il ministro straordinario dovranno igienizzare le mani, indossare i guanti monouso. "Gli stessi - indossando la mascherina, avendo massima attenzione a coprirsi naso e bocca e mantenendo un'adeguata distanza di sicurezza - abbiano cura di offrire l'ostia senza venire a contatto con le mani dei fedeli".

“Il Protocollo è frutto di una profonda collaborazione e sinergia fra il Governo, il Comitato Tecnico-Scientifico e la CEI, dove ciascuno ha fatto la propria parte con responsabilità", ha evidenziato il Cardinale Bassetti, ribadendo l’impegno della Chiesa a contribuire al superamento della crisi in atto. "Le misure di sicurezza previste nel testo – ha sottolineato il Presidente Conte – esprimono i contenuti e le modalità più idonee per assicurare che la ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo avvenga nella maniera più sicura. Ringrazio la CEI per il sostegno morale e materiale che sta dando all’intera collettività nazionale in questo momento difficile per il Paese".

“Fin dall’inizio abbiamo lavorato per giungere a questo Protocollo – ha concluso il Ministro Lamorgese -: il lavoro fatto insieme ha dato un ottimo risultato. Analogo impegno abbiamo assunto anche con le altre Confessioni religiose”.

Il protocollo - CLICCA QUI

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi