Guanti gettati dappertutto: nella ex stazione inciviltà da Fase 2 - Immondizia gettata ovunque: la situazione è peggiorata durante la Fase 1
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 05/05

Guanti gettati dappertutto: nella ex stazione inciviltà da Fase 2

Immondizia gettata ovunque: la situazione è peggiorata durante la Fase 1

Vasto Marina: guanti sparsi dappertutto nell'area di risulta della ex stazione ferroviariaGuanti monouso gettati dove capita. Ex stazione ferroviaria di Vasto Marina disseminata di dispositivi di protezione individuale.

Ieri, nel giorno in cui è cominciata la Fase 2 dell'emergenza coronavirus, il vecchio scalo ferroviario - aperto nel 1863, chiuso nel 1988 e dismesso nel 2005, quando la linea ferroviaria adriatica fu definitivamente spostata nella galleria che si snoda sotto l'abitato di Vasto - appariva così:ridotto  a un porcile.

Oltre alla vegetazione che ha invaso il cantiere della Via Verde della Costa dei Trabocchi, le aiuole sono state riempite di immondizia. A giudicare dall'aumento dei rifiuti sparsi dappertutto, è successo anche nella fase del cosiddetto lockdown. E più di qualcuno non ha seguito le raccomandazioni sul corretto smaltimento di guanti e mascherine.

Chiede l'intervento del Comune Orlando Palmer del movimento Iustitia Nova: "Dalle segnalazioni fatte alcuni mesi fa riguardo alla vecchia stazione, non c'è stato ancora alcun intervento. È evidente che la politica vastese ignora il benessere e il decoro della città".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi