Erba alta un metro in aiuole e lungo le strade, Barisano: "Stiamo lavorando. Abbiamo un programma" - Due montagne di legname sulla spiaggia. "Residui di mareggiate, Pulchra sta pulendo"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 05/05

Erba alta un metro in aiuole e lungo le strade, Barisano: "Stiamo lavorando. Abbiamo un programma"

Due montagne di legname sulla spiaggia. "Residui di mareggiate, Pulchra sta pulendo"

Vasto Marina, pulizia dopo le mareggiate: legname accatastato in spiaggiaUscire per la prima volta sul lungomare di Vasto dopo due mesi e trovare nelle aree verdi l'erba alta un metro. Da marzo, tutto si è fermato, compresa la manutenzione del verde.

"Ora siamo al lavoro con gli operai comunali e con le tre imprese affidatarie dell'appalto. Imprese che non hanno potuto lavorare durante la Fase 1 dell'emergenza perché non rientravano nei codici Ateco cui era consentito il ritorno all'attività", dice l'assessore al Servizi manutentivi, Gabriele Barisano. "Non capisco le polemiche, visto che prima questi lavori non si potevano fare. Tutte le zone della città rappresentano una priorità. Abbiamo un programma e stiamo lavorando".

Due montagne di legname accatastate sulla sabbia: così si presentava ieri il tratto di spiaggia antistante il Monumento alla Bagnante. "È materiale trasportato dalle mareggiate delle scorse settimane", spiega Barisano. "La Pulchra (la società che gestisce la raccolta dei rifiuti, n.d.r.), cui compete la pulizia della spiaggia, lo ha accatastato lì e sta provvedendo a smaltirlo gradualmente, visto che il quantitativo è novetole". 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi