Didattica a distanza e arte. Il video della scuola ’Mattei’ di Casalbordino - I bambini della classe prima hanno raccolto la sfida del Getty Museum
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Didattica a distanza e arte. Il video della scuola ’Mattei’ di Casalbordino

I bambini della classe prima hanno raccolto la sfida del Getty Museum

L'emergenza Coronavirus ha rivoluzionato il modo di fare scuola. All'improvviso ci siamo trovati di fronte ad una nuova realtà e a dover mettere in atto le competenze apprese nei vari corsi di formazione.

Per la classe prima della Scuola Primaria "E.Mattei" di Casalbordino - Istituto  Omnicomprensivo "Ridolfi-Zimarino" Scerni, abbiamo attivato, tra l'altro, la classroom "L'angolo delle... risorse" in cui TUTTI i bambini possono  trovare giochi logici, storie da ascoltare,  brevissimi video musicali,  giochi psicomotori, sensoriali adatti alle esigenze di ciascuno. 

Ai piccoli è stata proposta la sfida lanciata dal Getty Museum di Los Angeles: ricreare opere d'arte a casa. Come? Bastava scegliere un'opera d'arte,  andare alla ricerca di oggetti, capi d'abbigliamento, sfondi... riprodurla e fotografarla.

I piccoli alunni della classe prima hanno accolto la sfida con entusiasmo. Lavori originali,  simpaticissimi che hanno dimostrato la loro grande creatività. Ad ogni foto commenti,  risate, faccine di ogni tipo! Ci siamo sentiti veramente uniti,  come in classe! Fare didattica a distanza è anche questo! 

Stare vicino ai nostri alunni offrendo l'opportunità di vivere momenti di apprendimento gioiosi e un modo inconsueto per conoscere alcune delle tante opere del patrimonio artistico,  attualmente, fruibile solo online.

Maria Loreta Di Ilio
Insegnante scuola primaria E.Mattei

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi