"A Vasto creare nuove aree pedonali e piste ciclabili, Riorganizzare gli ingressi delle scuole" - Fase 2 - La proposta dell’avvocato ambientalista Nicholas Tomeo
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"A Vasto creare nuove aree pedonali e piste ciclabili, Riorganizzare gli ingressi delle scuole"

Fase 2 - La proposta dell’avvocato ambientalista Nicholas Tomeo

Nicholas TomeoLa mobilità va riorganizzata subito a Vasto con l'obiettivo di garantire il distanziamento tra le persone nell'imminente Fase 2 dell'emergenza coronavirus. Lo chiede all'amministrazione comunale Nicholas Tomeo, avvocato che si occupa di diritto dell'ambiente.

"Chi si ritrova a dover uscire da casa- scrive in una mail inviata a Zonalocale - si può facilmente rende conto come a Vasto, già in questi giorni, il traffico cittadino delle automobili sia notevolmente aumentato, tanto che su alcuni tratti stradali si creano addirittura delle code.

Tantissime città, in tutto il mondo e anche in Italia, si sono già da tempo organizzate per affrontare nei migliori dei modi la fase 2, ad esempio attraverso l’allargamento dei marciapiedi, creando nuove zone pedonali o piste ciclabili cosiddette di emergenza, questo al fine di rendere più accessibili gli spazi e così da consentire più agilmente di mantenere le distanze tra le persone - distanza necessaria al fine di evitare un nuovo picco di contagi.

Inoltre, questo metodo di pianificazione della mobilità urbana, si rende ancora più urgente perché i mezzi pubblici, se non aumentati notevolmente, non sono luoghi sicuri posto che al loro interno non è pensabile, per via della ristrettezza degli spazi, mantenere la suddetta distanza di sicurezza tra le persone.

Come diversi studi scientifici hanno dimostrato, la diffusione del Covid-19 è più facile laddove l’inquinamento atmosferico è maggiore, inquinamento prodotto in larga parte dai veicoli a motore. A tal proposito bisogna pensare che le città, sebbene occupino solo il 3% della superficie terrestre totale, emettono ben il 75% di CO2 complessiva e, pertanto, un ripensamento generale delle modalità di spostamento non è solo urgente, ma anche necessario.

Per questo anche a Vasto è fondamentale riorganizzare la mobilità da subito, senza attendere che, soprattutto con l’arrivo dell’estate, le persone si accalchino in spazi ristretti.

Seguendo l’esempio di tante altre città, bisogna creare nuove zone pedonali - inoltre, come numerosi studi hanno dimostrato, la creazione di spazi pedonali aumenta notevolmente gli incassi per gli esercizi commerciali presenti nella zona e una diretta testimonianza di ciò, a Vasto, è via Adriatica, dove prima della pedonalizzazione non vi erano locali mentre adesso, che è zona pedonale, in particolare durante i fine settimana e i mesi estivi, quella zona pullula di persone -, piste ciclabili cittadine (a Vasto, in città, non vi è assoluta presenza di queste) anche di emergenza, allargare i marciapiedi (tantissime strade o ne sono prive oppure i
marciapiedi sono stretti).

Il futuro biciplan, sebbene essenziale, è solo un progetto e non rappresenta la risposta urgente di cui ad oggi si necessita, per questo
bisogna intervenire, nell'immeditao, con soluzioni veloci ed efficaci. Inoltre, al fine di evitare che il traffico veicolare ingorghi nuovamente le zone in prossimità degli istituti scolastici, bisogna ripensare agli ingressi degli studenti quando le scuole riapriranno: la mattina, nell’orario di ingresso e uscita, è necessario chiudere al traffico le suddette strade consentendo così un allargamento degli spazi tra le persone, così come bisogna creare piste ciclabili di emergenza per permettere di raggiungere agilmente le scuole in bici e, inoltre, va lanciato il pedibus allargandolo a tutte le scuole primarie e dell'infanzia, con più 'fermate' e con un servizio più capillare.
Occorre, dunque, agire adesso, prima che sia troppo tardi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi