Diario del 1° maggio - L’iniziativa di zonalocale.it per stare vicini anche se lontani
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Diario del 1° maggio

L’iniziativa di zonalocale.it per stare vicini anche se lontani

EMILIANO LONGHI, CHIETI

Primavera del contagio
Che triste, questo inizio di primavera!
Freddo, pioggia, neve, vento.
È la primavera dello scontento, 
Così triste che non sembra vera. 

Come le gocce, il pianto del cielo, 
Scendono come lacrime di dolore,

Martellando l’asfalto con fragore,
E alzano una foschia, un magico velo,
Così colpiscono, le gocce nefaste, 
Le nostre vite, atterrite e guaste.

Propaga lo sterminatore la sua minaccia,
Che si espande, e tale un lampo si riproduce.
Talvolta cresce, tal altra scende o si riduce,
Quando avrà fine la sua spietata caccia? 

La morte non si vince, il Virus, Sì!

Chieti, 27.03.2020

GIULIA MONTANARI, VASTO
Durante questi due mesi a casa ho riscoperto sensazioni ed emozioni che prima non ricordavo, anche se, non tutto quello che ho provato è sempre stato positivo. Ci sono stati giorni, in questi due lunghi mesi, in cui il futuro mi sembrava una cosa inesistente visto che ogni giorno era uguale a quello precedente.
Nonostante ciò, ho cercato di avere una visione il più possibile ottimista, imparando nuove cose che prima non avevo il tempo di fare. Il mio desiderio più grande è quello di riabbracciare al più presto i miei amici ma sono grata per il tempo passato con la mia famiglia perché a volte si danno per scontato situazioni che non possono vivere tutti.

Mi sono data una spiegazione per tutto ciò che sta succedendo e che, spero, stia giungendo al termine: il nostro pianeta aveva bisogno di una pausa, per respirare, come noi quando andiamo a fare sport e dobbiamo smettere di fare gli esercizi per qualche minuto perché abbiamo affaticato troppo il nostro corpo. Il tasso di inquinamento era arrivato al limite, la vita frenetica e senza pause  ci ha risucchiato in un vortice di egoismo che non ci permetteva di guardare negli occhi chi avevamo davanti. L’isolamento credo che abbia fatto capire a tutti che le persone hanno bisogno delle persone, che il confronto dei pensieri è necessario e che il contatto umano è inevitabile.
Da ogni azione corrisponde una reazione, e da ogni azione e reazione bisogna prendere spunto per imparare.

RACCONTACI ANCHE TU COME VIVI QUESTO MOMENTO

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi