Casi di Covid-19 tra gli operatori dell’ospedale, Smargiassi presenta interpellanza in Regione - Smargiassi: "Dato che preoccupa, doveroso richiedere risposte definitive"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 01/05/2020

Casi di Covid-19 tra gli operatori dell’ospedale, Smargiassi presenta interpellanza in Regione

Smargiassi: "Dato che preoccupa, doveroso richiedere risposte definitive"

Pietro Smargiassi (M5S)Ottenere chiarimenti definitivi sulla situazione creatasi nell'ospedale di Vasto, dove si registra un'alta incidenza di operatori sanitari contagiati dal virus Covid-19. Per questo, il consigliere regionale del M5S, Pietro Smargiassi, ha presentato un’interpellanza, rivolta all’assessore alla Sanità, Nicoletta Verì e al presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

"Il dato del San Pio preoccupa – dichiara Smargiassi – maggiormente se posto in relazione con i numeri complessivi dei risultati positivi nell’intera città di Vasto. Tutte le informazioni che mi sono state fornite a seguito delle richieste effettuate, in merito alla distribuzione dei dispositivi di protezione individuale, alle buone prassi per la sicurezza degli operatori e dei pazienti, facevano trasparire sulla carta un quadro positivo delle misure adottate. Quadro - spiega il consigliere - che però si contrappone con gli ulteriori contagi registrati nel presidio ospedaliero e, soprattutto, con i richiami effettuati da alcune sigle sindacali alla ASL02 sulla quantità e qualità dei mezzi di protezione forniti".

"Per questo - sottolinea - ho ritenuto doveroso richiedere, attraverso un'interpellanza, risposte definitive su numerosi punti di nebulosità, tra cui il numero dei casi accertati, nonché le quantità e qualità di DPI forniti sino ad oggi al personale sanitario, chiedendo inoltre all'assessore se questi DPI sono ritenuti congrui e sufficienti rispetto alle esigenze di sicurezza e salute degli operatori e dei pazienti presenti nei reparti, sia in quelli a maggior rischio esposizione, che in quelli potenzialmente a minor contatto con il virus Covid-19".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi