È caos dopo la nuova ordinanza regionale. Menna: "Fino al 4 uscite solo per lavoro e necessità" - Dpcm, norme della Regione e del Comune: cittadini in comprensibile confusione
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 30/04

È caos dopo la nuova ordinanza regionale. Menna: "Fino al 4 uscite solo per lavoro e necessità"

Dpcm, norme della Regione e del Comune: cittadini in comprensibile confusione

Francesco MennaDecreti del presidente del Consiglio dei ministri, ordinanze comunali e, ora, un'altra ordinanza regionale ad appena quattro giorni dall'avvio della fase 2 dell'emergenza coronavirus. Regna il caos normativo sul graduale allentamento delle misure di contenimento del contagio. 

Una giungla in cui i cittadini finiscono per andare in confusione. In serata, il sindaco di Vasto, Francesco Menna, pubblica sui social network un video per rispondere una volta per tutte alle molte domande che, da ore, stanno piovendo sugli amministratori comunali: "Stiamo ricevendo diverse telefonate in merito a un'ordinanza della Regione Abruzzo, la numero 50, che aprirebbe fin da subito tutta una serie di attività a passeggio, a cavallo, motorie e così via. È bene precisare che prevalgono su questa ordinanza regionale sia l'ordinanza comunale, sia il Dpcm del Governo Conte, che si basano sulle linee guida del Comitato scientifico nazionale. Quindi vi raccomando, fino al 4 di maggio, di uscire di casa esclusivamente per motivi di lavoro, per motivi di salute o per stato di necessità, altrimenti si rischia una segnalazione, che potrebbe essere anche di natura penale, e sicuramente delle multe. Queste ordinanze creano sicuramente una situazione di incertezza nei cittadini ma ci tengo a precisare senza voler fare polemica che noi fino al 4 maggio osserveremo le regole più restrittive ovvero : si può uscire di casa per fare la spesa, lavorare e per motivi di salute o stato necessità".  

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi