"Noi parrucchieri abbandonati dalle istituzioni. Molti non ce la faranno neanche a riaprire" - La fase 2 - Parlano commercianti e imprenditori / 4. L’appello di Katia Bastonno
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 29/04

"Noi parrucchieri abbandonati dalle istituzioni. Molti non ce la faranno neanche a riaprire"

La fase 2 - Parlano commercianti e imprenditori / 4. L’appello di Katia Bastonno

Katia Bastonno"Noi apparteniamo a tutta quella fascia di attività che potranno riaprire solo il 1° giugno. Ci sentiamo abbandonati". Katia Bastonno, parrucchiera nel centro storico di Vasto, lancia un grido d'allarme che è comune a tutta la categoria.

"Per noi sarà difficile e dispendioso fare le sanificazioni dei nostri locali. Altri Comuni, ad esempio in Sardegna e in Calabria, hanno messo a disposizione dei fondi per la messa a norma degli ambienti, almeno a beneficio delle categorie commerciali più a rischio chiusura, come centri estetici, acconciatori, bar e ristoranti. Anche perché una parrucchiera che fattura 25-30mila euro l'anno cosa può ottenere da una banca? E come fanno queste attività a sostenere il costo di affitti elevati? Io, dal punto di vista personale, sono stata fortunata sotto questo aspetto, perché il proprietario del locale ha capito perfettamente le difficoltà e non si fatto neanche sentire per la riscossione del canone, ma per gli altri? Il rischio è che l'80% di queste attività fortemente a rischio non possa riaprire. Si tratta spesso di locali che non hanno la doppia entrata, molti sono ai limiti dell'estensione minima di 40 metri quadri al di sotto dei quali, con le nuove norme sanitarie, probabilmente non sarà possibile svolgere l'attività. Anche chi potrà ricominciare, potrà farlo a marcia ridotta, quindi sarà difficile poter pagare il personale e, di conseguenza, mantenere lo stesso numero di lavoratori. Tante persone rischiano di restare disoccupate. Quando chiedo l'aiuto delle istituzioni, non faccio un discorso politico. Mi rivolgo all'amministrazione comunale, ma anche all'opposizione, da cui non ho sentito interrogazioni sulla condizione che sono costretti a vivere quei piccoli artigiani che rimarranno chiusi più a lungo. Ci aiutino almeno evitandoci di pagare le tasse locali per le nostre attività che sono ferme e non producono alcun reddito. E mi rivolgo anche a Regione e Provincia, dove ci sono padri e madri di famiglia da cui non ho ancora sentito una parola rivolta a noi".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi