"Se l’ospedale di Vasto fosse diventato Covid hospital non avremmo 26 contagiati al San Pio" - La polemica - Di Michele Marisi: "Menna si assuma le sue responsabilità"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 27/04

"Se l’ospedale di Vasto fosse diventato Covid hospital non avremmo 26 contagiati al San Pio"

La polemica - Di Michele Marisi: "Menna si assuma le sue responsabilità"

Marco di Michele MarisiSe il San Pio di Vasto fosse diventato un ospedale specializzato nella cura del coronavirus, si sarebbe potuto evitare il contagio di 26 persone tra medici e infermieri. A rovesciare la prospettiva di una posizione, quella del no al Covid hospital, voluta strenuamente dall'amministrazione comunale di centrosinistra è Marco di Michele Marisi, segretario cittadino di Fratelli d'Italia.

"La trasformazione - sostiene - dell'ospedale in Covid hospital, tanto propagandisticamente avversata dal sindaco, Francesco Menna, avrebbe consentito l'applicazione di standard di sicurezza maggiori per i lavoratori del San Pio ed i pazienti. Così, oggi, non avremmo letto dai preoccupanti con focolaio di contagi proprio dentro il nosocomio. Il tempo e i fatti danno ragione ai galantuomini e sbugiardano chi amministra solo con la propaganda, strumentalizzando paure e sciagure del momento. 

Il sindaco - attacca l'esponente del partito di Giorgia Meloni - si assuma la responsabilità delle sue scelte anche relazione a ciò che sta accadendo al San Pio in queste settimane. Ho personalmente avuto un atteggiamento responsabile e collavorativo finora, adoperandomi, oltre che negli aiuti quotidiani ai cittadini in difficoltà, anche a stilare proposte concrete per la ripartenza evitando accuratamente di polemizzare su tante e tante cose. Ma di fronte a quanto sta accadendo in queste ultime ore davvero non posso tacere".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi