"In Ostetricia 2 contagiati. Ritardi nei risultati tamponi e carenza di dispositivi di protezione" - L’allarme di Bianchi (Nursing Up). Casi anche in Ortopedia e Oncologia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 22/04

"In Ostetricia 2 contagiati. Ritardi nei risultati tamponi e carenza di dispositivi di protezione"

L’allarme di Bianchi (Nursing Up). Casi anche in Ortopedia e Oncologia

Vasto: ospedale San Pio da PietrelcinaDue positivi al test del Covid-19 tra il personale di Ostetricia dell'ospedale di Vasto. Altri due operatori sanitari in attesa del risultato del tampone.

A esprimere la preoccupazione dei lavoratori è Patrizia Bianchi, consigliera regionale del Nursing Up, sindacato degli infermieri. 

"Nel reparto ostetrico - dice a Zonalocale - il personale ha dovuto lavorare senza dispositivi di protezione individuale con mascherine chirurgiche fornite col contagocce dalla farmacia interna. Le ostetriche hanno assistito ai parti con mascherina chirurgica e con camice monouso dato loro in dotazione nel primo periodo di emergenza e successivamente richiesto nuovamente dal personale, ma non fornito fino al 21 aprile 2020, quando i dispositivi di protezione individuale per la sala parto sono stati consegnati".

"I tamponi - afferma la consigliera regionale del Nursing Up - sono stati eseguiti solo per contatto stretto con positivi al Covid. Inizialmente, quindi, il numero dei test è stato ristretto, con risposte attese ed arrivate dopo oltre 15 giorni. Il 29 aprile", racconta Bianchi, " sono arrivati referti dei tamponi del 9 e del 16 aprile, in cui si evince che sono risultate positive due dipendenti, di cui una positiva dal 9 aprile che aveva continuato a lavorare in reparto. Ci chiediamo a cosa serva restare a casa, se poi i primi veicoli d'infezione siamo noi operatori sanitari?", domanda la rappresentante sindacale, che esprime "disappunto circa atteggiamenti - sostiene - incongruenti, inefficienti e inefficaci della Direzione medica del presidio ospedaliero". 

Casi di positività anche in Ortopedia (4) e Oncologia.

Protezioni - Nelle scorse settimane, Patrizia Bianchi e i segretari provinciali di Fials, Nursind e Fsi-Usae, Giordano Di Fiore, Vincenzo Di Pace e Raffaello Villani, avevano inviato una lettera a diversi destinari, tra cui Prefettura di Chieti, Direzione generale della Asl e Procure di Lanciano e Vasto [, per denunciare "la grave carenza di specifiche mascherine con filtro Ffp2 e Ffp3 per il personale esposto con differenti modalità al rischio di contagio da Covid-19" [LEGGI]. Villani torna a chiederlo oggi: "Per proteggere il personale non bastano le mascherine chirurgiche, servono le Ffp2. Perché l'azienda non ha provveduto ad acquistarle per tempo rifornendosi di una dotazione sufficiente ad affrontare l'emergenza? E perché l'azienda non le acquista ora?". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi