"Ieri ho venduto 150 mascherine a medici dell’ospedale, non c’è nulla di irregolare" - Imprenditore replica alla Protezione civile: "Chi fa del bene non viene apprezzato"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 19/04

"Ieri ho venduto 150 mascherine a medici dell’ospedale, non c’è nulla di irregolare"

Imprenditore replica alla Protezione civile: "Chi fa del bene non viene apprezzato"

Vasto: l'ospedale San Pio da Pietrelcina"Non c'è nulla di irregolare, tutto è avvenuto con la massima trasparenza, come sempre".

Un imprenditore che ieri ha consegnato le mascherine all'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto contatta Zonalocale per replicare a quanto pubblicato ieri dalla Protezione civile sulla propria pagina Facebook perché ritiene che quel post sia riferito a lui: "Chi fa del bene - dice - spesso non viene apprezzato. Venerdì - afferma - sono andato a consegnare gratuitamente 40 mascherine alla polizia locale di Vasto. Non è la prima donazione che ho fatto da quando è iniziata l'emergenza coronavirus. Ho dato tutto quello che potevo dare".

"Dopo la consegna gratuita - afferma l'imprenditore - sono stato contattato da alcuni medici dell'ospedale di Vasto, che mi hanno chiesto 150 mascherine, per le quali ho chiesto un prezzo di un euro l'una, ossia la metà dell'attuale valore di mercato delle mascherine chirurgiche 3 veli. Non c'è nulla di irregolare, tutto è avvenuto nella massima trasparenza. Inoltre - annuncia - presto metteremo in commercio un nuovo tipo di mascherina, il modello P100, che garantirà il 100% di filtraggio e la possibilità di riutilizzo tramite lavaggio a 60 gradi". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi