"Senza poter fare nemmeno un lavoretto è dura pagare affitto e studi universitari" - L’appello di Guido La Guardia alle istituzioni: "Aiutare gli studenti fuori sede"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

"Senza poter fare nemmeno un lavoretto è dura pagare affitto e studi universitari"

L’appello di Guido La Guardia alle istituzioni: "Aiutare gli studenti fuori sede"

(foto da ilfattoquotidiano.it)Un contributo per pagare affitti e spese, perché gli studenti fuori sede non ce la fanno in un periodo in cui non possono neanche fare quei lavoretti che, di sera o nei weekend, li aiutavano a mettere insieme i soldi necessari per l'affitto e le altre necessità.

L'appello arriva da un giovane vastese, Guido La Guardia: “All’indomani del decreto che dichiara le prime zone rosse in Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Marche) a causa della pandemia da Coronavirus, molti studenti fuori sede hanno deciso di rientrare presso la residenza principale per stare con la propria famiglia in un momento difficile. Altri, invece, sono rimasti nei loro appartamenti, nelle loro stanze. Parliamo di migliaia di ragazze e ragazzi abruzzesi. Tra questi, c’è chi svolgeva lavori in concomitanza con gli studi per pagare le rette universitarie e un posto letto e chi invece riesce ad avere il pieno sostegno economico dalla famiglia. Il comune denominatore, pertanto, è la crisi economica, l’incertezza che incombe su ognuno di questi studenti e sulle spalle delle loro famiglie. Oggi, coloro che sono rimasti fuori sede e svolgevano piccoli lavori non hanno una fonte di reddito, mentre chi è tornato dalla propria famiglia non può più disporre della casa universitaria. Di conseguenza è diventato un carico molto pesante dover pagare ogni mese il canone di locazione e gli aiuti, a riguardo, sono veramente pochi. Proprio per questo motivo le studentesse e gli studenti italiani, abruzzesi e vastesi chiedono a gran voce un incentivo economico da parte delle istituzioni per fronteggiare questa crisi – mai affrontata in epoca repubblicana – per far sì che un domani non si debba ingerire amaro e nella speranza che tutto ciò finisca il prima possibile. Sappiamo che si può!”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi