Emergenza idrica, Laudazi: "Amministrazione comunale e Sasi accelerino progettazione degli impianti" - "Necessario intervenire su acquedotti cittadini in vista della stagione estiva"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 14/04

Emergenza idrica, Laudazi: "Amministrazione comunale e Sasi accelerino progettazione degli impianti"

"Necessario intervenire su acquedotti cittadini in vista della stagione estiva"

Edmondo Laudazi (Il Nuovo Faro), dice la sua sull’emergenza idrica e sulla necessità di accelerare la progettazione di parte degli impianti per rimediare alle carenze esistenti.

"Questo difficile periodo passerà e anche Vasto si troverà ad affrontare tutte le problematiche post pandemia collegate alla possibile ripresa e al rilancio sociale ed economico del comprensorio, in vista dell’imminente stagione estiva. Gli amministratori comunali devono però operare concretamente per risolvere i tanti problemi che appesantiscono i servizi del nostro territorio e, in particolare, la deprecabile situazione degli approvvigionamenti idrici e degli acquedotti cittadini", dichiara.

"A questo proposito – prosegue – la giunta regionale d’Abruzzo ha annunciato una rimodulazione degli interventi finanziari destinando al comprensorio del Vastese poco meno di 10 milioni di euro per un primo stralcio di interventi sugli impianti, in attesa che anche il Ministero dei Lavori pubblici faccia la sua parte sulla spinta dei deputati del Vastese. Sono passati molti mesi, ma finalmente si assiste ad una prima concreta risposta della Regione Abruzzo".

"Ora tocca all'amministrazione comunale di Vasto, al sindaco Francesco Menna e all'assessore ai Lavori pubblici, Peppino Forte, attivarsi per rendere subito produttivo tale stanziamento con Sasi - aggiunge - Avevamo già fatto presente al sindaco ed al suo assessore che il nuovo adduttore dell’acquedotto del Verde di certo non sarà realizzato entro la estate e che la stessa diga di Chiauci presenta ancora problemi di chiusura delle paratie ed è in ritardo, quest’anno, per il riempimento del suo bacino. Avevamo già inoltre suggerito di avviare con Sasi, una urgente campagna di riduzione delle perdite delle tubature rotte e di riattivare con Arap la dotazione idrica derivabile dal potabilizzatore industriale di San Salvo, da cui può essere recuperata l’acqua stagionale per meglio alimentare Vasto Marina, come avveniva negli anni ‘80. Ma non siamo stati ancora ascoltati".

E, rivolgendosi a Menna e Forte, dice: "Si trasferiscano negli uffici del gestore Sasi, si accertino che la progettazione degli stralci funzionali necessari ad utilizzare i citati finanziamenti regionali prosegua con procedure di emergenza e che siano, nello stesso tempo, redatti gli studi di fattibilità tecnico economica degli interventi utili a ridurre la criticità idrica del nostro territorio e necessari per attivare i fondi di garanzia delle risorse idriche di cui al DPCM 20 maggio 2019. Si dimostri, cioè, che questa società di gestione ha i mezzi e la voglia di fare, se non le opere, almeno i progetti di cui il vastese ha bisogno".

"Questa attività non potrà risolvere tutti i gravi problemi dovuti all’insufficiente approvvigionamento idrico del territorio, ma potrebbe almeno dimostrare che gli amministratori vastesi sono costantemente sul pezzo, nel tentativo di ridurre disagi e difficoltà che, a causa del loro abituale immobilismo, potrebbero tornare a cadere sulla testa degli operatori economici e dei cittadini vastesi nell’imminente stagione estiva", conclude.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi