Protezione civile presidia Riserva e pista ciclabile: "Poche persone, subito rientrare in casa" - Coronavirus, i controlli di Pasquetta
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 13/04

Protezione civile presidia Riserva e pista ciclabile: "Poche persone, subito rientrare in casa"

Coronavirus, i controlli di Pasquetta

Protezione civile di Vasto: mezzi in uscita dalla sede di via Conti Ricci. In home page, squadre in bici presidiano la pista ciclabile di Vasto Marina"Abbiamo trovato davvero pochissime persone, tutte nei pressi delle loro abitazioni e abbiamo detto loro di rientrare in casa". Eustachio Frangione, responsabile della Protezione civile di Vasto, descrive una situazione sotto controllo in questa insolita Pasquetta del 2020, che arriva in pieno locwkdown da coronavirus.

Da stamani, 7 mezzi sono usciti dal quartier generale, che si trova nei sotterranei del terminal bus di via Conti Ricci. "Siamo impegnati con un personale di 22 unità, più 4 della Croce Rossa, per vigilare sulle strade e i luoghi in cui si potrebbero assembrare le persone, in particolare la Riserva naturale di Punta Aderci, dove abbiamo dislocato una squadra, e la pista ciclabile di Vasto Marina, che sorvegliamo con due squadre in bici. Non abbiamo trovato in giro quasi nessuno, tranne pochissime persone, tutte nei pressi delle loro abitazioni. A loro abbiamo detto di rientrare a casa e lo hanno fatto subito. Le prossime ore dovrebbero essere ancora più tranquille, perché chi avesse avuto intenzione di trasgredire ai divieti per fare falò o picnic lo avrebbe fatto stamattina". 

Anche le forze dell'ordine hanno predisposto controlli e pattugliamenti per la giornata di oggi [LEGGI].

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi