Del Viscio: "Regione dia alla Pilkington fondi nazionali per constrastare il problema Float" - Il coordinatore di Articolo Uno: "No a campanilismi sulla distribuzione delle risors
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 10/04

Del Viscio: "Regione dia alla Pilkington fondi nazionali per constrastare il problema Float"

Il coordinatore di Articolo Uno: "No a campanilismi sulla distribuzione delle risors

Francesco Del Viscio (Articolo Uno)La Giunta regionale distribuisca i fondi in base alle reali esigenze delle imprese evitando campanilismi. Lo chiede Articolo Uno dopo l'allarme lanciato ieri dai sindacati confederali sui pesanti danni economici, con conseguenti ricadute sull'occupazione, che rischia di creare alla Pilkington di San Salvo la produzione a perdere in atto in questi giorni: i Float, gli altiforni che producono il ventro partendo dalle materie prime, non possono essere spenti; di conseguenza, in questo periodo di stop causato dall'emergenza coronavirus, possono solo produrre a ciclo continuo vetro da rottamare [LEGGI].

"I lavoratori e le lavoratrici - afferma il coordinatore di Articolo Uno Vasto, Francesco Del Viscio - hanno diritto ad avere rassicurazioni, soprattutto coloro che lavorano sugli impianti Float, i due forni dello stabilimento di San Salvo, e che continuano a portare avanti con grande sacrificio la produzione nonostante l’emergenza Covid-19. Il rischio di risolvere il problema della produzione di 'rottame', ossia vetro prodotto e scartato che causa una grave perdita economica, con lo spegnimento dei Float deve essere scongiurato perché potrebbe tradursi in gravi decisioni aziendali soprattutto a danno dei lavoratori e delle lavoratrici. Gli stessi che con i loro sacrifici hanno ottenuto le decine di milioni di investimenti confluiti nell’ultimo piano industriale. Ci auguriamo che la Regione Abruzzo, che senza ragioni ha escluso le organizzazioni sindacali regionali dal confronto sulle manovre economiche inserite nel Cura Abruzzo, si adoperi per destinare le risorse previste dal Governo nazionale tenendo conto delle reali esigenze delle aziende del nostro territorio. In questo momento di crisi non c’è spazio per i personalismi e azioni campanilistiche che spesso caratterizzano la politica di questo governo regionale".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi