"Ricorderò per sempre l’umanità e la professionalità del personale di Malattie infettive di Vasto" - Le parole di un ex paziente colpito dal coronavirus
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Ricorderò per sempre l’umanità e la professionalità del personale di Malattie infettive di Vasto"

Le parole di un ex paziente colpito dal coronavirus

La dott.ssa Sciotti con le colleghe Antonelli e MancinoRiceviamo e pubblichiamo la seguente lettera da un ex paziente del reparto di Malattie infettive dell'ospedale di Vasto positivo al coronavirus e tornato da poco a casa:

"Scrivo questa lettera per raccontare la mia storia e per testimoniare che anche nei momenti più brutti si può sempre trovare qualcosa di buono. Sono stato ricoverato 15 giorni fa nel reparto di malattie infettive con una polmonite e un tampone positivo al Covid-19.

Oggi, dopo due settimane, sono grato al Signore, alla Mamma Celeste e a tutto il personale sanitario del reparto di Malattie infettive per essere tornato a casa mia, tra i miei affetti. Non riesco ancora a dormire bene, mi sento fragile e indifeso, ma sono a casa e non più in un letto di una stanza di ospedale e questo solo grazie alla grande preparazione e umanità di tutto il personale.

A tal proposito volevo pubblicamente ringraziare la dott.ssa Sciotti, i colleghi medici, la caposala, gli infermieri e gli oss e dirvi che siete veramente degli angeli, degli eroi moderni. Io non conosco i vostri nomi, né i vostri volti, ma mai mi dimenticherò della vostra genorisità, disponibilità, cordialità, ma soprattutto della vostra umanità. Ad ogni turno li vedevo affacciarsi da una piccola vetrata e con un sorriso ti salutavano facendoti l'ok con la mano, instancabilmente per tutto il loro turno, giorno e notte, passavano per osservarti e percepire ogni tuo respiro, pronti a intervenire.

Io dal mio letto, con l'ossigeno attaccato e la flebo in un braccio, li vedevo entrare con le loro tute spaziali, vedevo solo i loro occhi, percepivo le loro paure che però non davano a vedere, eppure erano lì vicino a te, ti confortavano, ti tiravano su di morale, ti controllavano in ogni minimo dettaglio.

Con la loro grande umanità mi hanno aiutato a lavarmi e tagliare i capelli eppure non trasmettevano segni di paura, incertezza o stanchezza, nonostante i turni di riposo e le ferie saltate. Grazie ancora a tutto il personale medico e alla dott.ssa Sciotti persona schietta, decisa, competente e umana, vi porterò sempre nel mio cuore e nelle mie preghiere.
Grazie al mio amico di stanza con il quale ci siamo sostenuti a vicenda, al mio parroco, alla mia famiglia e a quanti mi sono stati vicino con una parola di conforto". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi