Coronavirus, anche Menna firma l’appello: "Chiudere le fabbriche" - Il sindaco: "I trasporti pubblici non possono garantire standard di sicurezza"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 19/03

Coronavirus, anche Menna firma l’appello: "Chiudere le fabbriche"

Il sindaco: "I trasporti pubblici non possono garantire standard di sicurezza"

Francesco Menna"Insieme ad oltre quaranta sindaci del Chietino il sindaco di Vasto, Francesco Menna, ieri ha aggiunto la sua firma alla lettera, inviata al premier Conte e al presidente della Regione Marsilio, per chiedere la chiusura di tutte le attività economiche e industriali non indispensabili della Val di Sangro e del Vastese". Lo comunica una nota del municipio. 

“I cittadini - ha spiegato Menna - vivono grande ansia in questi giorni in cui alcuni componenti delle loro famiglie continuano a lavorare in fabbrica. I trasporti pubblici per raggiungere le sedi di lavoro non garantiscono in relazione al numero di corse gli standard di sicurezza, e non è pensabile ipotizzare di recarsi al lavoro più dipendenti con un'unica auto come sempre avvenuto. A causa di grandi assembramenti il rischio di contagio è elevato.
Come sindaco - conclude Menna - non ho potere per prendere una tale decisione con un atto amministrativo, ma posso chiedere a chi ne ha l’autorità di chiudere le aziende che non svolgono attività essenziali e strategiche. Una decisione necessaria per garantire la sicurezza dei dipendenti. È importante restare a casa e tutelare la salute pubblica”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi