La Prefettura sospende il provvedimento: il 26enne nigeriano non finirà in mezzo a una strada - L’avvocato Del Visco: "È rimasto otto giorni senza mangiare"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 18/03

La Prefettura sospende il provvedimento: il 26enne nigeriano non finirà in mezzo a una strada

L’avvocato Del Visco: "È rimasto otto giorni senza mangiare"

(foto Ansa)La Prefettura ha sospeso la revoca: il 26enne nigeriano può rimanere nel centro d'accoglienza di Vasto

"Ho presentato ricorso al Tar", racconta l'avvocato Paolo Del Viscio, che difende il richiedente asilo, nei cui confronti è stato emesso un provvedimento prefettizio di espulsione dalla struttura che si trova nei pressi del casello autostradale di Vasto nord. "Il ricorso è stato notificato domenica ai destinatari. Lunedì la Prefettura ha sospeso la revoca dell'accoglienza, quindi Roland può rimanere nel centro d'accoglienza, da cui non era stato espulso dopo il primo provvedimento, ma era rimasto senza mangiare per otto giorni, poi gli era stata data una piccola razione di cibo. Nel ricorso, ho chiesto sia la sospensiva, sia l'annullamento del provvedimento nel merito perché, in piena emergenza coronavirus, non si può revocare l'accoglienza a un soggetto debole come il ragazzo, che ha disabilità gravi, vista la ridotta funzionalità di braccio destro e gamba destra. "Siamo soddisfatti di questa decisione della Prefettura, che ha sposato la nostra tesi. Si tratta di un primo risultato di questa vicenda legale, che ho intrapreso con scopo umanitario".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi