Violenza sessuale su tre bambine e intralcio alla giustizia, anziano ai domiciliari - Il commissario Capaldo: "Le vittime hanno meno di dieci anni"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 17/03

Violenza sessuale su tre bambine e intralcio alla giustizia, anziano ai domiciliari

Il commissario Capaldo: "Le vittime hanno meno di dieci anni"

Fabio CapaldoÈ accusato di aver compiuto violenze sessuali nei confronti di tre bambine di età inferiore ai dieci anni. Un uomo è stato posto agli arresti domiciliari dalla polizia su ordine di custodia cautelare emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vasto. 

Così, in un comunicato stampa, ricostruisce le indagini il dirigente del Commissariato di Vasto, vice questore aggiunto Fabio Capaldo: "Nella giornata di ieri i poliziotti del Commissariato di Vasto hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misura cautelare nei confronti di un uomo anziano, ritenuto responsabile di reiterate violenze sessuali nei confronti di tre bambine sotto i dieci anni, nonché responsabile di intralcio alla giustizia.

Tempo prima - scrive l'ufficiale - due delle bambine avevano fatto capire alla loro insegnante di essere state toccate nelle parti intime da un anziano. Ne è seguita una complessa attività investigativa condotta dai poliziotti della sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica e del Commissariato di Vasto. All’esito delle indagini sono stati raccolti tanti elementi di prova, che lo stesso Gip ha ritenuto connotati da uno spessore indiziario tale da superare notevolmente le soglia della gravità richiesta per la misura cautelare.

Le piccole, escusse in modalità protetta, hanno fornito racconti precisi e concordanti, i cui particolari sono stati oggetti di riscontro ad opera degli investigatori. L’uomo in molteplici occasioni è riuscito a raggirare le minori conducendole in luoghi appartati, quali la propria abitazione, all’interno di una vettura in campagna, in un garage di fronte casa e in quei luoghi le costringeva a subire e compiere su di lui atti sessuali. In altre occasioni le ha attirate con una scusa in casa propria, costringendole poi a vedere dei filmati pornografici su cd o dvd che egli teneva conservati. Le perquisizioni e l’ispezione eseguita nei confronti dell’indagato, riscontravano positivamente le descrizioni dei luoghi e degli oggetti fornite dalle bambine e permettevano di rinvenire il materiale pornografico custodito nella stanza e nel mobile indicato dalle piccole. Inoltre le bambine rivelavano agli investigatori alcune caratteristiche somatiche dell’indagato, su parti non esposte alla vista. Identificato l’uomo, le piccole non avevano dubbi nell’individuare l’autore delle violenze.

Ma l’attività dei poliziotti andava oltre. Si acquisivano infatti elementi di prova dalle conversazioni che l’uomo aveva con i genitori delle piccole vittime. Sono stati captati i dialoghi che l’indagato ha tenuto con loro, allorquando, vistosi scoperto, li ha contattati personalmente in due occasioni. L’autore delle violenze ha ammesso le sue responsabilità con sconcertante leggerezza, minimizzandone l’impatto devastante che avrebbero avuto sulle piccoline ed ha offerto ai genitori dapprima cinquemila, poi diecimila euro, allo scopo d’indurli ad imporre alle figlie la ritrattazione e convincere gli investigatori dell’inattendibilità delle minori. Il contesto sociale delle famiglie delle piccole era tale da non escludere che le promesse di denaro potessero essere accettate. Per tali condotte l’uomo è indagato anche per intralcio alla giustizia.

I gravi indizi di colpevolezza raccolti dai poliziotti in ordine ai reati perpetrati ai danni di minori degli anni dieci, il pericolo d’inquinamento probatorio, nonché di reiterazione del reato, desunti anche dal fatto che, nonostante l’anziana età l’uomo ha dimostrato di essere una persona fisicamente attiva, in grado di spostarsi facilmente, scaltra e pericolosa - afferma Capaldo - hanno determinato l’adozione della misura degli arresti domiciliari".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi