Suriani e Prospero: "Il Comune faccia lavorare da casa i dipendenti non impegnati nell’emergenza" - I due consiglieri di FdI: "Smart working per ridurre le presenze sulle strade"
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 17/03

Suriani e Prospero: "Il Comune faccia lavorare da casa i dipendenti non impegnati nell’emergenza"

I due consiglieri di FdI: "Smart working per ridurre le presenze sulle strade"

Da sinistra, Vincenzo Suriani e Francesco Prospero (FdI)Il Comune di Vasto faccia lavorare da casa i dipendenti per i quali non è indispensabile la presenza in municipio e non direttamente impegnati nella gestione dell'emergenza coronavirus. Lo chiedono all'amministrazione Menna i consiglieri comunali di Fratelli d'Italia, Vincenzo Suriani e Francesco Prospero

"Il decreto del presidente del Consiglio dei ministri dell’11 marzo prevede che i dipendenti pubblici lavoreranno 'in via ordinaria' in Smart working", scrivono in un comunicato i due rappresentanti del partito di Giorgia Meloni. "Con due eccezioni: quelli impegnati nelle 'attività strettamente funzionali alla gestione dell'emergenza', a partire come è ovvio dagli operatori sanitari, e quelli che svolgono funzioni 'indifferibili da rendere in presenza'. Spetta proprio alle amministrazioni pubbliche, come ad esempio il Comune, individuare i servizi indispensabili da rendere in presenza mentre a tutti gli altri dipendenti che non svolgono tali servizi deve essere consentito di lavorare da casa. Nell’ottica di una assoluta necessità di contenimento delle persone costrette a uscire per lavoro - concludono Suriani e Prospero - le amministrazioni pubbliche facciano la loro parte, concedendo, a tutti i dipendenti non impegnati nella emergenza, il lavoro agile, che consentirà un’ulteriore riduzione di presenza di persone sulle strade cittadine. Il Comune di Vasto faccia la sua parte e dia il buon esempio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi