Rischi da coronavirus: la Granito Forte sospende la produzione per un mese - Difficoltà nel reperimento dei dispositivi di sicurezza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Rischi da coronavirus: la Granito Forte sospende la produzione per un mese

Difficoltà nel reperimento dei dispositivi di sicurezza

L'aumento dei contagi spinge le aziende, almeno quelle medio-piccole, a prendere provvedimenti drastici. Dopo la Canali di Gissi che già la settimana scorsa ha deciso di interrompere la produzione [LEGGI], oggi, in assemblea sindacale, la Granito Forte di Fresagrandinaria ha comunicato la decisione di sospendere l'attività per un mese.

Alla base della decisione c'è, come previsto dal decreto del presidente Giuseppe Conte dell'11 marzo scorso [LEGGI], l'impossibilità di garantire le misure di sicurezza data l'impossibilità di reperire i dispositivi di protezione individuale (Dpi) sull'intero territorio nazionale. 
Nel corso dell'incontro, l'azienda ha assicurato che all'interno del sito produttivo non si è verificato nessun caso di positività e che, nei giorni scorsi, sono stati sanificati gli ambienti. 

La fermata produttiva concordata con le rsu inizierà alle 6 del 19 marzo per concludersi alle 6 del 20 aprile. "È ovvio – ha aggiunta la direzione – che è interesse di tutte le parti ripartire il prima possibile, quindi, in presenza di un quadro sanitario sensibilmente migliorato, l'azienda si riserva la facoltà di anticipare la ripresa della produzione. Allo stesso modo, qualora non si palesassero le condizioni predette, la fermata può essere allungata".
Il fermo produttivo riguarderà circa 200 dipendenti.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi