Menna: "L’ospedale di Vasto non deve diventare un Covid hospital" - "Perché non aumenta il personale? Perché non si fanno tamponi agli operatori?"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 17/03

Menna: "L’ospedale di Vasto non deve diventare un Covid hospital"

"Perché non aumenta il personale? Perché non si fanno tamponi agli operatori?"

L'ospedale di Vasto non deve diventare un Covid hospital. Lo dice il sindaco, Francesco Menna: "Facendo Vasto Covid hospital, il rischio contaminazione sarà altissimo poiché diventerà difficile isolare il percorso dei pazienti potenzialmente affetti da virus dal punto di vista logistico. Tra l’altro Vasto già accoglie il Molise, per la chiusura di Termoli, e si sono ben guardati dall’aumentare unità di personale e dal mettere a disposizione dispositivi di protezione personale e di procedere ai tamponi per tutto il personale. Si è fatto giustamente un tampone al presidente Marsilio per una stretta di mano con Zingaretti: non capisco perché non si fanno tamponi agli operatori che sono a stretto contatto con persone positive e addirittura si dice loro di continuare a lavorare finché non diventano sintomatici. Certo non è il caso di fare polemica in un momento come questo, ma non abbiamo avuto attenzione fino ad ora dalla Regione Abruzzo e mi chiedo come si pensa di attivare il Covid a Vasto con la carenza di personale e con personale sanitario che in queste ore sta facendo miracoli ed è sottoposto a stress incredibile".

La diretta video in cui Menna ha detto no all'ipotesi di fare del San Pio un ospedale per pazienti con coronavirus: 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi