Il coronavirus non ferma i pescatori di frodo: beccati due campani con 20 chili di polpi e cernie - In azione carabinieri e guardia costiera
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 12/03

Il coronavirus non ferma i pescatori di frodo: beccati due campani con 20 chili di polpi e cernie

In azione carabinieri e guardia costiera

Questa notte a Vasto, i militari del N.O.R. - Aliquota Radiomobile di Vasto, durante il controllo sul rispetto delle prescrizioni imposte dai decreti del presidente del consiglio dei ministri e dalla connessa ordinanza del presidente della giunta regionale per il "contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19", con il supporto del personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo - Guardia Costiera di Vasto, hanno denunciato due soggetti, entrambi residenti in Campania: S.S. classe ’84 e C.P. classe ’66, per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità (art. 650 c.p.) e sanzionato gli stessi per violazioni in materia di pesca. 

I militari della radiomobile, insospettiti da un mezzo in viaggio in piena notte lungo la Statale 16 in località S. Tommaso, lo hanno fermato procedendo al controllo.
"Mentre venivano acquisite le generalità degli occupanti, veniva notata, nascosta nel bagagliaio della loro auto, dell'attrezzatura da pesca, nonché due grosse casse di plastica, contenti del prodotto ittico vivo. Alla richiesta dei militari di esibire idonea documentazione comprovante giustificazione della loro presenza al di fuori del Comune di residenza, gli stessi non erano in grado di fornirne alcuna valida risposta. Pertanto i due venivano denunciati ai sensi dell’art. 650 c.p.. Inoltre, vista la particolare tipologia di merce trasportata dagli uomini, il personale militare della locale Guardia Costiera, intervenuto sul posto, espletati i dovuti accertamenti ed accertata l’illecita provenienza del pescato, procedeva a redigere verbale di contestazione per violazione del D.Lgs. n. 04/2012, punito con una sanzione amministrativa di 2mila euro". 

Il pescato rinvenuto di circa 15 kg di polpo e 5 kg circa di cernie nonché l’attrezzatura utilizzata veniva posta sotto sequestro.

L’attività svolta nel corso della notte ha confermato l’assoluta e massima sinergia tra le forze di Polizia presenti sul territorio che operano in piena collaborazione e confronto al fine di rendere il territorio sempre più sicuro anche e soprattutto in questo particolare periodo.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi