Un appello dai genitori dei bimbi cardiopatici: "Per favore, rimanete a casa" - I genitori della piccola Sophie si rivolgono a tutti i cittadini
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 09/03

Un appello dai genitori dei bimbi cardiopatici: "Per favore, rimanete a casa"

I genitori della piccola Sophie si rivolgono a tutti i cittadini

La piccola Sophie

Da ieri sono entrate in vigore le nuove disposizioni del governo per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Pubblichiamo l'appello di Lorena e Stefano, i genitori della piccola Sophie, per sensibilizzare i cittadini.

"Sono la mamma di Sophie, di 2 mesi e mezzo. È nata con una cardiopatia congenita complessa. È stata operata a 15 giorni ed ora stiamo aspettando l'intervento correttivo. Qualche settimana fa un semplice raffreddore si è trasformato in bronchiolite e un polmone si è occluso. Il suo cuoricino ne ha risentito subito e si è affaticato. Nella nostra Regione non c'è un reparto di cardiochirurgia pediatrica e siamo stati trasferiti nella Regione confinante. Il giorno del trasferimento purtroppo è peggiorata e, a pochi metri dall'ospedale, è andata in insufficienza cardio-respiratoria in ambulanza. L'hanno rianimata davanti ai miei occhi, davanti agli occhi di una mamma disperata. È stata intubata per una settimana in rianimazione. La sua fortuna è stata che non ancora girava il coronavirus. Ora è fuori pericolo. Più o meno. Perché in realtà lei sarà sempre in pericolo.

Non ho mai pubblicato sue foto ma ora sento il dovere di farlo per far capire a tutti quelli che continuano a vivere come se niente fosse, come se fosse una semplice influenza, che per Sophie non sarebbe una semplice influenza, come per migliaia di altri bambini, adulti e anziani. Per favore, noi mamme di bambini cardiopatici vi supplichiamo di starvene a casa. Rimanete a casa! Cosa vi costa? Io sono dovuta rimanere a letto 2 mesi, uno in casa mia e uno in una città lontana dalla mia. In 5 mesi ho dormito in 3 ospedali, 5 posti diversi tra case vacanze, hotel e strutture di accoglienza. E voi non siete in grado di stare a casa vostra?

Chiedo e dò il permesso a tutti i miei contatti di condividere questo post per far capire ancora di più che, in questo momento, bisogna pensare a chi è in pericolo e rimanere in casa propria. Grazie". 

LE INFORMAZIONI SUL CORONAVIRUS >>> CLICCA QUI

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi