Brucia i rami della potatura, ma incenerisce 50mila metri quadri di vegetazione: pensionato nei guai - Il grosso rogo nei giorni scorsi a Dogliola
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Dogliola   Cronaca 03/03

Brucia i rami della potatura, ma incenerisce 50mila metri quadri di vegetazione: pensionato nei guai

Il grosso rogo nei giorni scorsi a Dogliola

Un pensionato dovrà rispondere di incendio colposo per il grosso incendio di Dogliola del 26 febbraio scorso. L'uomo è nei guai dopo che i carabinieri forestali di Gissi sono risaliti al responsabile a conclusione di una approfondita attività di indagine che ha stabilito la dinamica dell’incendio partendo dal punto di innesco.

L’incendio boschivo si è sviluppato nel pomeriggio del 26 febbraio scorso in località “Vallone del Gesso”. La persona ritenuta responsabile del rogo è stata deferita alla Procura della Repubblica di Vasto. 

Dalla stima effettuata dai militari, l’incendio ha interessato una superficie di circa 50mila metri quadri di macchia mediterranea. Contestualmente all’evento delittuoso e nei giorni seguenti gli investigatori hanno svolto le attività d’indagine tecnica per risalire alle cause del rogo ed al responsabile.

"Per individuare l’area e il punto d’insorgenza dell’incendio si è impiegato il Metodo delle Evidenze Fisiche (M.E.F.). È stata perlustrata l’intera superficie percorsa dal fuoco dai militari in cerca delle tracce sulla vegetazione e sul mezzo fisico che indicasse il passaggio del fuoco", spiegano i forestali.

"È seguita una complessa attività di valutazione e di analisi dei diversi indicatori. In particolare i carabinieri forestali attraverso il M.E.F. sono riusciti a determinare l’esatto punto di insorgenza delle fiamme corrispondente ad un focolaio acceso per la bruciatura di residui vegetali provenienti dalla potatura di un uliveto. Gli investigatori hanno stabilito la causa che ha provocato l’incendio tramite un processo di validazione, documentando le relazioni esistenti tra prove materiali e testimonianze raccolte durante l’investigazione".

"Da qui sono iniziati gli accertamenti per risalire all’identità del responsabile che è risultato essere il conduttore del fondo agricolo da cui si sono propagate le fiamme. Intensificati in tutta la provincia i controlli  delle Stazioni Carabinieri Forestale  per la  prevenzione e repressione degli incendi boschivi, a causa delle inusuali e persistenti condizioni climatiche che vedono prolungata assenza di piogge, alte temperature e forti venti".

"Si ricorda – concludo i carabinieri – che la bruciatura dei residui vegetali provenienti da potature di alberi ed arbusti e da sfalci di erbe è sconsigliata con le attuali condizioni climatiche ed è comunque soggetta al rispetto delle stringenti disposizioni di legge". Un mese fa un altro agricoltore era finito nei guai per un altro incendio sviluppatosi a Carpineto Sinello [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi