Zone economiche speciali, Marsilio al ministro Provenzano: "Sono mesi che aspettiamo" - Il presidente della Regione Abruzzo: "Zes fondamentali per rilanciare lo sviluppo"
Abruzzo Smart Academy - ITS Agroalimentare Teramo CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Roma   Politica 02/03

Zone economiche speciali, Marsilio al ministro Provenzano: "Sono mesi che aspettiamo"

Il presidente della Regione Abruzzo: "Zes fondamentali per rilanciare lo sviluppo"

Marco Marsilio "Chiudere definitivamente la questione delle Zone economiche speciali". Lo ha chiesto oggi a Roma il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, al ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, in occasione della riunione della cabina di regia sul Patto di Sviluppo.

"Attendiamo ormai da mesi un pronunciamento positivo che autorizzi la Zes abruzzese, siamo arrivati a marzo e questo pronunciamento ancora non si vede. Malgrado la Regione Abruzzo abbia sollecitato riunioni e chiarimenti, oggi il ministro Provenzano e il Dipartimento della Coesione mi riferiscono che sono ancora in attesa che il Ministero dell'Economia e delle Finanze produca le proprie osservazioni. Rispetto alle osservazioni del Mef, la Regione Abruzzo ha risposto positivamente accogliendole già dal mese di luglio e, quindi, non ci possono volere otto mesi per rispondere e chiudere questa pratica. Il territorio ha bisogno di investimenti, il settore produttivo abruzzese merita di essere messo al pari delle altre regioni del Sud che hanno le Zes già approvate e utilizzate come fondamentali strumenti per il rilancio dell'economia. Quindi - conclude Marsilio - continueremo a tallonare i Ministeri competenti perché l'Abruzzo abbia le risposte che si aspetta". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi