Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Politica 28/02/2020

Ospedale di Lanciano, è botta e risposta tra amministrazione e Lega

"L’amministrazione fa propaganda con demagogia e polemiche"

“L’attuale maggioranza di governo a Lanciano non perde occasione per fare propaganda elettorale con demagogia e polemiche infondate su temi che meritano di essere trattate, invece, con serietà e trasparenza”. È botta e risposta tra Lega e amministrazione comunale di Lanciano su sanità ed in particolare sull’ospedale di Lanciano e oggi sono gli esponenti del Carroccio a rispondere a Pupillo, Verna a Marongiu, dopo della conferenza stampa di ieri [LEGGI QUI].

“In realtà, prima di spaventare i cittadini sulla questione ospedale di Lanciano, gli esponenti di maggioranza avrebbero dovuto informarsi meglio oppure semplicemente ascoltare o leggere quanto affermato dall’assessore alla sanità e dal manager Asl, i quali non hanno mai parlato di tagli o di ridimensionamento del presidio frentano. - dicono gli esponenti della Lega di Lanciano - Ma oltre alle polemiche pretestuose, i tre sembrano avere anche la memoria corta. I tagli del personale medico ed ai reparti per cui oggi si “urla” a gran voce, sono il risultato di una politica operata dalla sinistra e dall’assessore Paolucci che proprio Marongiu si trova costretto a difendere poiché suo collaboratore in Regione Abruzzo dimenticando, al contempo, di rivestire una carica istituzionale che necessita di essere super partes”. 

E la Lega risponde anche all'accusa di essere tornati indietro di un decennio in tema di gestione della sanità frentana, "ricordiamo infatti - si legge nella nota degli esponenti frentani del partito di Salvini - che negli ultimi dieci anni di gestione a tinte “rosse”, l’aspedale di Lanciano ha aumentato in misura esponenziale i propri problemi, lasciando medici e personale sanitario in condizioni precarie e senza alcun tipo di supporto". 

"Rammentiamo al sindaco, il quale non perde occasione di ricordarci di essere un medico, che non ha senso una Direzione sanitaria senza personale e senza il potere di decidere autonomamente. Agire in maniera impulsiva e senza programmazione oggi, - concludono - significa danneggiare un progetto futuro che deve coinvolgere il “territorio” nel suo complesso e che dovrà essere funzionale, con standard elevati delle prestazioni sanitarie e sicuro per i cittadini. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi