"Chiesa e comunicazione", al teatro Rossetti il dibattito tra l’arcivescovo Forte e Andrea Monda - L’incontro a Vasto, martedì 3 marzo alle ore 18.00
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Eventi 28/02

"Chiesa e comunicazione", al teatro Rossetti il dibattito tra l’arcivescovo Forte e Andrea Monda

L’incontro a Vasto, martedì 3 marzo alle ore 18.00

Locandina Si terrà al Teatro Rossetti, martedì 3 marzo alle ore 18.00, l'incontro-dibattito "Chiesa e comunicazione. Servire la verità promuovendo la giustizia e la pace", promosso dall’Arcidiocesi di Chieti-Vasto in sinergia con l’Unione dei Giuristi Cattolici e con il patrocinio del Comune di Vasto, dell’Ordine degli Avvocati e l’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo.

L’importanza di una comunicazione di qualità e il giusto equilibrio fra informazione e formazione, faranno da filo conduttore al dialogo tra Monsignor Bruno Forte e Andrea Monda, direttore de L’Osservatore Romano, e saranno al centro del dibattito sul tema della "comunicazione nella Chiesa e sulla Chiesa oggi".

L’Osservatore Romano è una delle fonti ufficiali di diffusione delle notizie riguardanti la Santa Sede, insieme alla Radio Vaticana, al Centro Televisivo Vaticano e alla Libreria Editrice Vaticana, tutte riunite, dal 2015, nel Dicastero per la Comunicazione. L’Osservatore è un quotidiano che pubblica i documenti ufficiali della Chiesa e costituisce una finestra sul mondo che mette in collegamento la voce del Papa anche con le periferie più sperdute. 

I due relatori cercheranno di disegnare un tracciato di valori, metodi e finalità, valido non solo nel perimetro ecclesiastico, ma per il mondo della comunicazione in generale. "Informare è formare" ha detto Papa Francesco nel messaggio per la 52ma Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, "è avere a che fare con la vita delle persone. Per questo l’accuratezza delle fonti e la custodia della comunicazione sono veri e propri processi di sviluppo del bene, che generano fiducia e aprono vie di comunione e di pace".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi