Fondazione Mileno: salta l’incontro in prefettura, continua lo stato di agitazione dei lavoratori - "Non escluse altre iniziative"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 26/02

Fondazione Mileno: salta l’incontro in prefettura, continua lo stato di agitazione dei lavoratori

"Non escluse altre iniziative"

Una riunione improrogabile fa saltare l'incontro tra la delegazione sindacale della fondazione Mileno in prefettura a Chieti in programma il 24 febbraio scorso. I rappresentanti dei circa 300 lavoratori in stato di agitazione per aver percepito solo metà stipendio avrebbero dovuto incontrare il prefetto per tentare la procedura di raffreddamento e di conciliazione.

Un annullamento non senza disagi considerato che i sindacalisti erano già in viaggio. "Mentre ci recavamo a Chieti – dicono i rappresentanti di Cgil Fip, Cisl Fp, Uil Fpl – un funzionario comunicava che, siccome era ancora in corso una riunione improrogabile, il nostro incontro era stato annullato e rinviato a data da destinarsi. La risoluzione del problema appare più complessa e articolata: i dipendenti sono in attesa di risposte certe e complete, cresce e si diffonde solo paura e preoccupazione per il futuro dell’azienda e a questa condizione lavorativa di incertezza si somma una difficile situazione sanitaria nazionale dovuta all’epidemia da coronavirus".

Le organizzazioni sindacali affermano quindi che "in assenza di atti concreti e soluzioni immediate continuerà lo stato di agitazione del personale senza escludere altre iniziative che riterranno importanti e utili. È vergognoso che i lavoratori debbano pagare sulla propria pelle gli errori di altri".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi