Pista ciclabile di vallone Lebba, Cappa e D’Alessandro: "Ordinanza di chiusura giusta ma tardiva" - "Opera mai inaugurata, 700 mila euro di denaro pubblico gettati dalla finestra"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 25/02

Pista ciclabile di vallone Lebba, Cappa e D’Alessandro: "Ordinanza di chiusura giusta ma tardiva"

"Opera mai inaugurata, 700 mila euro di denaro pubblico gettati dalla finestra"

Cappa e D'Alessandro"L'ordinanza sindacale che chiude a tempo indeterminato la pista ciclabile del Vallone Lebba non solo appare giusta e scontata ma anche tardiva. Quella pista, vogliamo ricordarlo, non è mai stata inaugurata", commentano in una nota i consiglieri comunali della Lega, Alessandra Cappa e Davide D'Alessandro, all'indomani della decisione presa dal Comune di Vasto.

"La domanda resta una sola", proseguono, "com'è stato possibile gettare dalla finestra 700 mila euro di denaro pubblico? Com'è stato possibile pagare 40 mila euro un video che nessuno ha mai visto? In questi anni la classe politica vastese è rimasta silente, oggi sembra essersi svegliata. Eppure le responsabilità sono ben chiare: l'amministrazione Lapenna ha combinato il disastro e quella Menna nulla ha fatto per rimediare. Oggi il sindaco tenta di scaricare il barile, ma anch'egli ne porta la responsabilità".

"La compagine sinistra e ambientalista si è resa artefice del più grave spreco di denaro pubblico su una parte della città che si è trasformata in discarica a cielo aperto", dichiarano. "Menna eredita da Lapenna. Chi avrà il coraggio di ereditare questa città da Menna?".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi