Emergenza cinghiali, agricoltori delusi dall’incontro con Imprudente: "Pronti a mobilitarci" - Campagne devastate, proprietari esasperati: "Servono misure di emergenza"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 24/02

Emergenza cinghiali, agricoltori delusi dall’incontro con Imprudente: "Pronti a mobilitarci"

Campagne devastate, proprietari esasperati: "Servono misure di emergenza"

Michele Bosco, presidente del comitato Terre di Punta AderciNon vogliono trascorrere un altro anno a lavorare per poi vedersi distruggere il raccolto dai cinghiali. Per questo, gli agricoltori del Vastese sono pronti a mobilitarsi e ad arrivare fino a Roma per chiedere, con una petizione sostenuta da migliaia di firme, al Parlamento di modificare la normativa sulla caccia ai cinghiali: "È una specie che va gradualmente eradicata da questa zona", sostiene Michele Bosco, imprenditore agricolo e presidente del comitato Terre di Punta Aderci, dopo l'incontro a Vasto tra l'assessore regionale Emanuele Imprudente e oltre 200 proprietari terrieri e cacciatori della zona. Gli agricoltori, che hanno manifestato tutta la loro esasperazione, sono usciti delusi dal confronto con assessore e consiglieri regionali. Secondo loro, i finanziamenti per comprare le gabbie non risolvono il problema. 

"La delusione c'è", ammette Bosco. "L'assessore si è appellato alla legge 157 dicendo che lui non ha la possibilità di andare oltre ciò che gli consente la normativa. Imprudente ritiene di aver messo in atto tutte le azioni possibili, ma noi nel Vastese, francamente, non le abbiamo viste". Si sono conclusi con un nulla di fatto anche gli incontri tra gli assessori di diverse Regioni, tra cui l'Abruzzo, e i rappresentanti del Ministero delle Politiche agricole.

I cacciatori vogliono l'autorizzazione a sparare ai cinghiali anche dentro le aree protette: "A parlare di abbattimenti è stato anche il presidente regionale di Legambiente, Giuseppe Di Marco", sottolinea Bosco. "Io sono imprenditore agricolo. Chi mastica diritto deve dare risposte precise. E il governo regionale dovrà dimostrare di voler cambiare il Piano faunistico regionale accogliendo le osservazioni che abbiamo presentato. Questo di Vasto è un piccolo focolaio, ma ci sono tanti altri gruppi in Abruzzo pronti a mobilitarsi. Chiediamo che in queste zone si vada gradualmente all'eradicazione della specie. Lo ha riconosciuto anche l'assessore: non sono le gabbie, né il singolo abbattimento a risolvere il problema. Ci vogliono misure di emergenza".

Guarda il video

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Emergenza cinghiali. Incontro con Imprudente, agricoltori delusi

Intervista a Michele Bosco, presidente del comitato Terre di Punta Aderci

Intervista di Michele D'Annunzio - Video di Nicola Cinquina



 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi