Sequestro di datteri di mare, "Per pescarli danni incalcolabili alle scogliere sommerse" - In azione la guardia costiera
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 22/02

Sequestro di datteri di mare, "Per pescarli danni incalcolabili alle scogliere sommerse"

In azione la guardia costiera

Operazione dell'ufficio Circondariale marittimo di Vasto che, sotto il coordinamento della capitaneria di porto di Ortona, ha scoperto diverse violazioni di natura amministrativa e penale sulla tracciabilità dei prodotti destinati alla somministrazione in numerosi ristoranti e in alcuni casi il possesso di datteri di mare. In quest'ultimo caso i trasgressori sono stati deferiti all'autorità giudiziaria e il prodotto distrutto (circa un chilo).

I militari sottolineano, soprattutto, i danni ambientali causati dall'illecita asportazione dei datteri: "Al di là della protezione del dattero di mare (Lithophaga lithophaga), la pesca di questo mollusco bivalve è severamente vietata dalla legge per motivi ben più importanti. Molti ignorano gli incalcolabili danni ambientali che un solo pescatore di datteri produce sul fondale marino roccioso con la sua attività illecita".

"Per prelevare i datteri è necessario frantumare la roccia in cui il bivalve scava dei fori dove vive nascosto. Lo strato superficiale degli scogli sommersi viene distrutto a martellate, e ogni animale o vegetale insediato sulla roccia è destinato a soccombere. Si parla di una vera e propria desertificazione delle scogliere sommerse che permangono in uno stato impoverito, con valori di biodiversità molto bassi".

"I controlli sulla filiera ittica continueranno anche nei prossimi giorni, per verificare la corretta tracciabilità ed etichettatura dei prodotti della pesca, e il divieto di pesca di specie protette e di esemplari sottomisura, a tutela del consumatore e delle risorse ambientali marine".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi