Coronavirus, negativo il test sulla diciassettenne lancianese ricoverata a Vasto - A comunicarlo il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute regionale
 
Vasto   Attualità 22/02

Coronavirus, negativo il test sulla diciassettenne lancianese ricoverata a Vasto

A comunicarlo il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute regionale

Falso allarme per la 17enne trasferita oggi nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Vasto dopo che si era recata nel pronto soccorso dell’ospedale di Lanciano lamentando febbre e tosse [LEGGI QUI]. 

I risultati del tampone per il Covid 19, analizzati dal laboratorio di riferimento di Pescara, sono infatti fortunatamente risultati negativi.

Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione.

Allarme rientrato in Abruzzo, quindi, dopo la paura del pomeriggio, che aveva fatto temere il peggio per la giovane lancianese che si è recata nel pronto soccorso di Lanciano, dopo aver accusato i primi sintomi e dopo un viaggio di alcuni giorni a Padova.

Già i primi test effettuati al San Pio nel pomeriggio erano risultati negativi, ora la conferma anche dal tampone specifico per il Covid 19. Nessun coronavirus, dunque, ma una semplice influenza stagionale per la ragazza, che resta ricoverata in osservazione fin quando le sue condizioni generali non consentiranno le dimissioni.

“Ringrazio - ha detto il sindaco di Vasto, Francesco Menna - la Asl Lanciano-Vasto-Chieti, l’ospedale di Vasto, il reparto di malattie infettive, la Dott.ssa Sciotti e tutto il personale  che ha mostrato grande professionalità nella gestione di questa vicenda. Ricordo che il reparto di malattie infettive dell’ospedale di Vasto è tra le sei eccellenze in Abruzzo.

Raccomando ancora alla cittadinanza di rispettare il decalogo del Ministero della salute ed evitiamo ogni tipo di allarmismo. Gli italiani hanno sempre affrontato con grande forza le difficoltà e sono certo che anche questa volta si riuscirà a trovare una soluzione a questo problema che sta interessando il nostro Paese. Sono vicino a quanti sono stati colpiti dal virus e alle loro comunità che vivono momenti di comprensibile angoscia. Un pensiero alle due vittime e ai loro familiari".


di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi