Stipendi dimezzati alla Fondazione Mileno, i sindacati chiedono al prefetto un incontro urgente - Cgil, Cisl e Uil: "Assordante silenzio dell’Ordine dei frati cappuccini d’Abruzzo"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 18/02

Stipendi dimezzati alla Fondazione Mileno, i sindacati chiedono al prefetto un incontro urgente

Cgil, Cisl e Uil: "Assordante silenzio dell’Ordine dei frati cappuccini d’Abruzzo"

Vasto Matrina: l'Istituto San Francesco, sede della Fondazione MilenoUn incontro urgente. Lo hanno chiesto al prefetto di Chieti, Giacomo Barbato, i rappresentanti dei lavoratori della Fondazione Mileno di Vasto, cui lo stipendio è stato dimezzato a causa dei ritardi dei fondi regionali per le strutture sanitarie accreditate. 

Sono in stato di agitazione dalla scorsa settimana i circa 300 dipendenti dell'Istituto San Francesco di Vasto Marina e delle altre dieci strutture riabilitative che fanno capo alla Fondazione, gestita dall'Ordine minore dei frati cappuccini d'Abruzzo. Il direttore del gruppo intitolato a padre Alberto Mileno, fondatore del San Francesco nel 1965 ha detto che i conti., al momento, sono in rosso: mancano quasi 6 milioni di euro dovuti dalle Asl di Lanciano-Vasto-Chieti, L'Aquila-Avezzano-Sulmona, ma anche dall'Asrem (l'azienda sanitaria regionale molisana), dalle Asl di Foggia e Bari e da 55 Comuni. 

"Il perdurare del totale silenzio della Fondazione", scrivono in una nota congiunta i rappresentanti dei sindacati confederali, "aumenta la rabbia, genera incertezze e desta grande preoccupazione nei 300 dipendenti che, incolpevolmente, hanno percepito solo il 50% dello stipendio dovuto. Nell'attuale situazione di crisi la paura percepita è comprensibile, in quanto in un passato non troppo lontano i lavoratori hanno avuto seri problemi per la irregolarità dei pagamenti degli stipendi. Tuttavia è ancora più assordante il silenzio da parte del padre provinciale dell'Ordine, che non può non ricordare gli anni contrassegnati dalla mobilitazione del personale e delle forze sociali al fine di salvaguardare sia gli interessi aziendali, sia i livelli occupazionali. Temiamo che, inevitabilmente, il prolungarsi di questa oscura situazione potrà, nel breve periodo, accendere un clima di forti tensioni e instabilità negli ambienti di lavoro, motivo per cui le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fp Cisl e Uil Fpl hanno chiesto un urgente incontro al prefetto di Chieti, allo scopo di risolvere urgentemente una serie di problematiche di ordine economico e contrattuale".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi