"Lavoratori con stipendi dimezzati, si rischia l’effetto domino: i sindaci devono mobilitarsi" - Taglio dei salari alla Fondazione Mileno, Angela Pennetta: "Allarmante"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Politica 12/02

"Lavoratori con stipendi dimezzati, si rischia l’effetto domino: i sindaci devono mobilitarsi"

Taglio dei salari alla Fondazione Mileno, Angela Pennetta: "Allarmante"

Angela Pennetta e il comitato L'Arcobaleno in un sit-in dello scorso anno davanti all'ospedale di VastoSecondo Angela Pennetta, il rischio è l'effetto domino "a causa di questo inaccettabile lassismo che potrebbe riverberarsi anche sui terzi, cioè tutti i fornitori delle stesse strutture sanitarie". La presidente del comitato civico L'Arcobaleno chiede una mobilitazione generale a favore dei lavoratori della Fondazione Mileno di Vasto, che si sono visti dimezzare gli stipendi, e delle altre strutture della sanità privata abruzzese: "Assolutamente inaccettabile l’immobilismo della Regione Abruzzo", scrive la battagliera avvocata vastese in un comunicato stampa. "Ad oggi, 12 febbraio 2020, non sono stati firmati i contratti con le strutture sanitarie private né definiti i budget per l’anno in corso. Da ciò ovviamente è dipeso il gravissimo dimezzamento degli stipendi dei dipendenti delle Fondazione Padre Alberto Mileno di Vasto ai quali va tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno in termini di lotta per il riconoscimento del loro sacrosanto diritto. Ci chiediamo: se lo stesso trattamento venisse riservato al presidente della Regione Abruzzo, all’assessore della sanità e al direttore generale, cosa farebbero?"

"Il problema vergognoso che si è venuto a creare - afferma Angela Pennetta - riguarda tutte le strutture private abruzzesi che difficilmente riusciranno nei prossimi mesi a pagare gli stipendi dei loro dipendenti.
Il fatto è allarmante, perché ci potrebbe essere un effetto domino a causa di questo inaccettabile lassismo che potrebbe riverberarsi anche sui terzi e cioè tutti i fornitori delle stesse strutture sanitarie.
Le strutture private, con enorme difficoltà, ad oggi continuano ad erogare le loro prestazioni, ma ovviamente il protrarsi di questa situazione potrebbe anche comportare lo stop ad esse con conseguenze deleterie sulle fasce più deboli della società. Tutti i sindaci della Regione dovrebbero mobilitarsi per richiedere a gran voce la definizione immediata della situazione al presidente della Regione, all’assessore alla Sanità e, per il Chietino, al direttore generale della Asl".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi