Tra riflessioni e storie piccanti: "Generazione part-time", il romanzo di Sergio Mancini - Presentato a Vasto il libro del noto giornalista radiofonico
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cultura 08/02

Tra riflessioni e storie piccanti: "Generazione part-time", il romanzo di Sergio Mancini

Presentato a Vasto il libro del noto giornalista radiofonico

Da destra, Sergio Mancini e Stefano Angelucci MarinoLa storia di una generazione precaria nel lavoro e nei rapporti umani. È questo il libro scritto da Sergio Mancini e pubblicato da Masciulli Edizioni.

Il giornalista di Radio Delta Uno ha presentato il 5 febbraio a Vasto Generazione part-time: "All'inizio volevo scrivere un racconto, poi mi sono reso conto che era un romanzo", ha spiegato il noto conduttore radiofonico e televisivo nella conferenza presentata dall'attore lancianese Stefano Angelucci Marino. "Ho sentito il bisogno di uscire dai confini del lavoro quotidiano e condividere alcuni concetti e situazioni che tutti più o meno viviamo. È anche un sfogo, un modo di dire quello che penso. Sono convinto che tutti si potranno riconoscere in Generazione part-time, anche solo in un rigo".

Un volume suddiviso in episodi legati da un filo comune: "Ogni capitolo è un racconto, ma la storia ha come riferimento la vita quotidiana di una persona che si sente part-time non solo nel lavoro, ma anche nei rapporti con le persone", perché "nell'era del web si tende a correre". "Ci sono anche passioni e storie piccanti che rendono l'idea anche dei rapporti sentimentali tra le persone", perciò "qualcuno mi incontra per strada e mi dice: Mancini, non ti conoscevo sotto questo punto di vista...". 

La prefazione è di Germano D'Aurelio, noto al pubblico col nome d'arte 'Nduccio, protagonista di tanti esilaranti one man show sull'Abruzzo e gli abruzzesi. "Germano - racconta l'autore - è una persona di grande cultura, anche se non tutti sanno cogliere questo aspetto del suo carattere".

Poi rivela: "Dopo averlo scritto, questo libro volevo bruciarlo. Ho avuto una crisi di rigetto, mi hanno detto che succede spesso agli autori. Poi, per caso, parlando con un'amica, lei mi ha detto di aver scritto un libro e mi ha consigliato di parlare del mio con l'editore Alessio Masciulli, che non conoscevo. A lui ho detto: entro una settimana lo brucio. Prima che finisse la settimana, mi ha richiamato per dirmi: dobbiamo pubblicarlo. E così, a ottobre, è arrivata la prima presentazione a Pescara". 

L'unico a non aver ancora letto il romanzo dopo l'uscita in libreria è proprio Sergio Mancini: "Dopo la pubblicazione, non ho voluto rileggerlo. Un giorno lo farò". 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi